venerdì, 30 Settembre 2022

“Correte mio marito mi sta minacciando”: arriva la Polizia ed estrae il fucile. In casa armi ad aria compressa e una balestra

Un 64enne napoletano, a San Giuseppe Vesuviano, è stato raggiunto dalla Polizia, dopo esser stato accusato dalla compagna di averla minacciata, e ha minacciato gli agenti con un fucile. Dopo averlo disarmato, sono stati trovati altri due fucili e una balestra. L'uomo è stato poi denunciato per minacce aggravate e resistenza a Pubblico Ufficiale.

Da non perdere

Questa mattina, 24 agosto, gli agenti del Commissariato di San Giuseppe Vesuviano, Napoli, durante il servizio di controllo del territorio sono intervenuti in via Emilio Catapano per la segnalazione di una persona in escandescenze. I poliziotti, giunti sul posto, sono stati avvicinati da una donna la quale ha raccontato che, poco prima, il compagno l’aveva minacciata verbalmente per poi salire al piano superiore dell’abitazione, in camera da letto, dove gli operatori lo hanno trovato intento a procurarsi dei tagli ai polsi con una lametta.

L’uomo, alla loro vista, ha iniziato a dare di matto gettando la lama a terra e, dopo aver imbracciato un fucile ad aria compressa che era appeso al muro, lo ha puntato ai poliziotti che, non senza difficoltà, lo hanno disarmato e bloccato. Nell’appartamento, gli agenti hanno rinvenuto anche altri due fucili ad aria compressa, una balestra completa di dardo e 9 contenitori contenenti complessivamente 1,2 chilogrammi di piombini in ferro che sono stati sequestrati. Il 64enne napoletano è stato denunciato per minacce aggravate e resistenza a Pubblico Ufficiale.

Ultime notizie