domenica, 25 Settembre 2022

Val di Fassa, sparito durante un’escursione in Trentino: 34enne trovato morto nella notte

Un escursionista di 34 anni, sparito ieri sera in Trentino, è stato trovato morto nella notte 200 metri più a valle del sentiero attrezzato che aveva detto di voler percorrere. L'ipotesi più verosimile è che l'uomo sia deceduto a seguito di una caduta.

Da non perdere

Nella notte di oggi, 23 agosto, è stato ritrovato il corpo senza vita dell’escursionista 34enne scomparso ieri sera in Trentino. Gli operatori del Soccorso alpino hanno rinvenuto il cadavere a valle del sentiero attrezzato Bepi Zac, a nord del Passo San Pellegrino, a circa 2.550 metri di altitudine intorno alle 3:30. Il 34enne era partito da un rifugio in val di Fassa, con l’intenzione di percorrere il sentiero Bepi Zac per raggiungere Cima Uomo. Le ricerche sono iniziate dopo la denuncia del mancato rientro al rifugio, intorno alle 21:15, e il corpo è stato ritrovato all’1:30 nei pressi della forcella del Ciadin, circa 200 metri più a valle rispetto al sentiero, e l’ipotesi più verosimile è che l’uomo sia caduto durante l’escursione. La salma, dopo il nulla osta delle autorità competenti, è stata trasportata via terra fino al Passo San Pellegrino dagli operatori del Cento Fassa, con l’ausilio del Soccorso alpino veneto.

Ultime notizie