sabato, 1 Ottobre 2022

Guerra in Ucraina, consegnati missili M270 Mlrs da Regno Unito. Mosca: “Non restituiremo la centrale a Kiev”

La Russia ha denunciato un altro attacco missilistico avvenuto ieri a pochi metri dalla centrale nucleare di Zaporizhzhia. Mosca non restituirà l'impianto all'Ucraina perché non può garantirne la sicurezza. Il Regno Unito ha consegnato una nuova fornitura di armi a Kiev.

Da non perdere

Continuano incessanti le contese intorno alla centrale nucleare di Zaporizhzhia. Secondo Vladimir Rogov, membro dell’autorità civile della zona occupata dalle forze russe, nella giornata di ieri 11 agosto un colpo di artiglieria sparato dai soldati ucraini si sarebbe abbattuto a circa 10 metri da un deposito di combustibile nucleare esaurito nella centrale. Rogov denuncia anche che le truppe di Kiev stanno bombardando con missili guidati di fabbricazione occidentale, esattamente “si noti che il bombardamento della centrale nucleare viene effettuato con missili guidati prodotti dagli stessi anglosassoni”, ma aggiunge: “Qualche danno è stato fatto ma grazie a Dio non è critico. In effetti, l’edificio del ministero delle Emergenze è stato parzialmente distrutto, dove avevano sede le nostre squadre antincendio. È molto vicino agli impianti della centrale nucleare e ai suoi reattori”.

Mosca: “Non restituiremo la centrale a Kiev”

Intanto Mosca, tramite l’ambasciatore Onu Vasyl Nebenzia, afferma che “la smilitarizzazione dell’impianto potrebbe renderlo vulnerabile per quelli che intendono visitarlo; nessuno sa quali possano essere i loro obiettivi, non possiamo escludere nessuna provocazione, attacco terroristico contro la centrale che dobbiamo proteggere”, perciò non sostiene la proposta di creare una zona smilitarizzata intorno alla centrale. Tuttavia la Russia insiste che l’impianto nucleare di Zaporizhzhia non può essere restituita a Kiev perché non è in grado di garantirne la sicurezza, secondo quanto dichiarato all’agenzia Interfax dal vicepresidente del Senato russo, Konstantin Kosachyov: “L’unico modo per garantire la sicurezza della centrale nucleare è il controllo al 100% della sua attività. Data l’operazione militare speciale, le autorità ucraine non sono in grado di fornire questo tipo di controllo per definizione. Visti i continui attacchi altamente irresponsabili alla centrale nucleare di Zaporizhzhia da parte delle forze ucraine, non c’è dubbio che l’accesso da parte di qualsiasi persona non autorizzata ai locali della centrale nucleare rischia ulteriori provocazioni. Quindi no e ancora no”.

Kiev: “Il Regno Unito ha mantenuto la promessa. Grazie per gli armamenti”

Il Regno Unito ha promesso, il Regno Unito ha consegnato! Altri M270 Mlrs sono arrivati in Ucraina. Grazie a Ben Wallace e a tutti i britannici! Il vostro sostegno è incredibile e così importante per l’Ucraina. Il nostro esercito userà abilmente questo ‘rifornimento’ sul campo di battaglia”. È con queste parole che il ministro della Difesa ucraino, Oleksii Reznikov, ha ringraziato su Twitter la Gran Bretagna per aver mantenuto la parola sulla fornitura di armamenti, infatti sono arrivati in Ucraina i lanciarazzi multipli aggiuntivi M270 Mlrs.

Ultime notizie