venerdì, 12 Agosto 2022

Terni, fa sniffare il figlio 12enne: tolta potestà genitoriale al padre 40enne

Un uomo di 40 anni avrebbe fatto sniffare della cocaina lo scorso 27 giugno al figlio 12enne. Dopo la denuncia della madre, i suoi avvocati hanno richiesto al tribunale la revoca della potestà genitoriale.

Da non perdere

A Terni un uomo di 40 anni avrebbe fatto sniffare la cocaina al figlio 12enne. La denuncia è arrivata dalla madre 35enne del ragazzo, lo scorso 27 giugno. Secondo la testimonianza della donna, padre e figlio si trovavano soli in casa dopo una vacanza al mare e al rientro l’uomo avrebbe iniziato ad assumere la droga invitando il ragazzo a fare lo stesso. Tornato dalla madre, il 12enne le avrebbe raccontato tutto, portandola a decidere di sottoporlo ai test per verificare l’effettiva assunzione della sostanza.

Una volta che il referto del laboratorio privato ha confermato la presenza della cocaina nel sangue, la madre ha deciso di sporgere denuncia contro l’ex marito. Gli avvocati della donna, Giacomo Marini e Federica Villa, hanno chiesto alla procura che si proceda nei confronti dell’uomo ai sensi della legge sugli stupefacenti, con l’aggravante di aver consegnato cocaina a un minorenne. “Ci attendiamo una espiazione esemplare della pena, intanto abbiamo già avanzato la richiesta, come ha già fatto il pubblico ministero, di revocare la potestà genitoriale dell’uomo“, ha dichiarato l’avvocato Marino. La denuncia è l’ultimo atto giudiziario verso l’ex marito, dal momento che c’erano già stati altri episodi che avevano incrinato il rapporto tra i due.

Ultime notizie