venerdì, 19 Agosto 2022

JLo, Capri si accende con la disco music : la charity raduna benefattori da tutto il mondo

Jennifer Lopez infiamma il gala di beneficenza di Capri, organizzato da LuisaViaRoma con Unicef per sostenere l'emergenza in Ucraina e Siria.

Da non perdere

Jennifer Lopez è stata l’ospite d’onore dell’evento dell’estate, LuisaviaRoma For Unicef, sesta edizione della charity a sostegno dei bambini di Ucraina e Siria, per cui sono stati raccolti 8 milioni di euro. La cantante ha incantato Capri dal palco allestito alla Certosa di San Giacomo, sotto il quale si sono radunati benefattori da tutto il mondo. Un posto «simbolo del sogno italiano, per mostrare il lato buono della moda: non solo realizzare un profitto, ma fare del bene», ha spiegato il presidente di LuisaviaRoma Andrea Panconesi.

«Siete bellissimi stasera. Sembra che vogliate ballare…E io vi darò la disco music», queste sono le parole di JLo prima di infiammare la serata e i 950 ospiti, che per accaparrarsi un posto hanno offerto cifre esorbitanti, più alte dei prezzi già da capogiro: 25 mila euro per sedersi in prima fila, 8 mila per le retrovie. Gli ospiti si sono mischiati a star mondiali come Leonardo DiCaprio, Casey Affleck, Jamie Foxx, Jared Leto, Maye Musk, Vanessa Hudgens, Jared Leto, Casey Affleck, Khaby Lame, Natasha Poly, Ed Westwick, Sara Sampaio, Jasmine Tookes, Leonie Hanne, Karolina Kurkova, Izabel Goulart, Ansel Elgort, Neelam Gill, Edward Enninful. In platea anche Flavio Briatore, Remo Ruffini, Diego Della Valle, Ermanno, Toni Scervino, Lorenzo Viotti, Mattia Stanga, Sangiovanni, Matilde Gioli, Matteo Renzi, Flavio Briatore ed Elisabetta Gregoraci.

Jennifer è salita sul palco con 30 dei ballerini del suo team personale con cui si è esibita cantando quattro delle sue hit: If you had my love, Waiting for tonight, Dance again e Get on the floor. «Vi dato tutto quello che ho, vi darò il mio cuore» dice la cantante stringendo le mani dei fan assiepati sotto il palco. Questa è la prima esibizione di JLo dal vivo dopo il Super Bowl e il Dodgers stadium, dove è nata la collaborazione con Fausto Puglisi, direttore creativo di Roberto Cavalli, che ha realizzato i due abiti da lei indossati nella serata.  Durante l’esibizione JLo ha portato due abiti, entrambi realizzati da Roberto Cavalli: un paio di pantaloni con stampa a tigre, rivestiti di piume dal ginocchio ingiù, con una maxi cappa e infine una tutina trasparente come secondo look.

Dopo mezz’ora di concerto, la cantante è rientrata nel backstage per lasciare la Certosa alle 1.30 di notte in abito arancione, scortata da una macchina tra i fan che l’attendevano all’ingresso. All’interno del gala di beneficienza la serata è continuata con un Dj set di Diplo. La cena per gli ospiti è stata cucinata dalla trattoria Aurore a base di verdure di stagione. L’astata, battuta da Simon Pury, ha visto come premi «non solo opere d’arte, ma anche esperienze», come ha spiegato Tommaso Chiabra, event fundraising di Unicef Italia. Tra queste un viaggio su SpaceX, l’esperimento di turismo spaziale messo in piedi da Elon musk, un volo acrobatico su un jet da combattimento in Francia, una moto usata in ‘Easy Rider’, la Mercedes Benz 250 C del 1973 appartenuta a Richard Burton, un’opera d’arte del piccolissimo Andreas Valencia, ma anche gioielli, orologi e cimeli d’epoca.

Ultime notizie