martedì, 9 Agosto 2022

Juventus, operazione al menisco per Pogba: a rischio il Mondiale in Qatar

Parte nel peggiore dei modi il ritorno di Paul Pogba alla Juventus. Il francese sa di doversi sottoporre ad un intervento, ma deve decidere quale operazione effettuare.

Da non perdere

Sabato 23 luglio Pogba si è infortunato da solo in allenamento, ha sentito una fitta mentre provava a calciare. Gli esami strumentali hanno evidenziato una lesione al menisco laterale del ginocchio destro, che dovrà essere risolta con un’operazione. Il ritorno del francese alla Juventus parte nel peggiore dei modi e si prospetta che l’operazione e il recupero di una forma ottimale possa arrivare solo ad inizio 2023, a Mondiale concluso e a metà stagione di una vicinissima Serie A 22/23.

2 operazioni possibili

Il centrocampista si trova di fronte a un bivio, sa che dovrà operarsi ma resta da decidere il tipo di operazione. Il dubbio verrà sciolto nelle prossime ore, intanto vediamo quali sono le due possibili alternative e quali sarebbero in teoria i tempi di recupero in entrambi i casi.

– Rimozione del pezzo di menisco lesionato: Tecnicamente si chiama meniscectomia selettiva. In altre parole, consiste nell’asportazione del pezzo di menisco lesionato. Questa prima tipologia di intervento è più semplice, prevede una riabilitazione più rapida, il calciatore in questo caso potrebbe tornare prima in campo (si prevedono tempi di recuperi da 1 a 2 mesi). La partecipazione al Mondiale, pertanto, non sarebbe in discussione. Quali sono però i rischi di questo tipo di operazione? Nel breve periodo solo vantaggi (come il rapido rientro in attività), i problemi potrebbero tuttavia sorgere sul lungo periodo: con il passare degli anni, l’articolazione potrebbe risentire dell’assenza di una parte del menisco, con possibili conseguenze sulla durata della carriera e sul quotidiano utilizzo del ginocchio a prescindere dalla pratica sportiva. Con la meniscectomia laterale c’è il rischio di condrolisi, ovvero di una rapida degenerazione delle cellule cartilaginee: in parole più semplici, il ginocchio diventerebbe più fragile e meno elastico.

– La sutura della lesione: Il nome tecnico è meniscopessi, consiste nella sutura del menisco alle strutture capsulari. Rispetto alla prima opzione, la seconda modalità di intervento è più conservativa. Non c’è l’asportazione, ma una cucitura della zona di lesione del menisco. In questo caso lo stop sarebbe più lungo (tra i 3 e i 4 mesi di inattività), ma non ci sarebbe nessun tipo di problema in futuro. Questo significa che Pogba salterebbe il Mondiale in Qatar in programma a fine 2022, ma al momento del rientro in campo la guarigione completa sarebbe praticamente garantita. È una tecnica che solitamente viene consigliata soprattutto ai giovani o a chi, in generale, ha ancora una lunga carriera davanti da preservare.

Ultime notizie