sabato, 20 Agosto 2022

Tre nuovi sbarchi a Lampedusa, arrivate 122 persone. Hotspot dell’isola di nuovo al collasso

Sempre ieri, con 31 arrivi, erano già approdate sull'isola 784 persone e all'hotspot di contrada Imbriacola, adesso, attendono circa 1.600 ospiti a fronte di 350 posti disponibili.

Da non perdere

All’alba di ieri, 24 luglio, 122 migranti sono sbarcati a Lampedusa. Sono arrivati su tre diverse imbarcazioni. Sempre ieri, con 31 arrivi, erano già approdate sull’isola 784 persone e all’hotspot di contrada Imbriacola, adesso, sono in attesa circa 1.600 ospiti a fronte di 350 posti disponibili. Oggi si cercherà di trovare nuove sistemazioni per alleggerire la struttura d’accoglienza, con motovedette e traghetti, secondo le disposizioni della Prefettura di Agrigento.

Nello specifico lo sbarco di ieri ha coinvolto tre barche, soccorse dalla motovedetta Cp327 della Guardia costiera, a 35 e 25 miglia dalla costa, una di 6 e l’altra di 10 metri, salpate da Zuwara in Libia, con 20 egiziani, eritrei, sudanesi e palestinesi, poi l’ultima su cui viaggiava un altro gruppo di 80 egiziani, siriani, marocchini e bengalesi. Ventidue tunisini, invece, sono stati recuperati dalla motovedetta della Guardia di finanza, a poco meno di 3 miglia dal porto, fra cui una donna, su una barca salpata da Sidi Mansour in Tunisia. La Ocean Viking, infine, come comunicato su Twitter, ha salvato altre 73 persone, tra cui un bambino di un anno, da un gommone quasi sgonfio a 37 miglia dalle coste libiche, segnalato da alarm phone. In tutto, quindi, adesso sono 268 i naufraghi a bordo della nave, tra loro oltre 100 minorenni non accompagnati.

Sbarchi non solo nel Mediterraneo

Secondo quanto riferito dalla Guardia costiera tunisina, nella notte fra sabato 23 e domenica 24 luglio, sono stati bloccati 19 tentativi di attraversamento marittimo, dove sono state soccorse 215 persone, 116 di diverse nazionalità africane, il resto tunisini. Sequestrata anche una somma in contanti di 5.000 euro. Gli sbarchi però non riguardano solo il Mediterraneo: al largo delle Bahamas almeno 17 migranti provenienti da Haiti, tra cui un bambino, sono morti quando la barca a bordo della quale si trovavano si è capovolta. L’imbarcazione era diretta, secondo quanto affermato dal premier delle Bahamas Philip Davis, da Haiti a Miami, in Florida. Altre 25 persone sono state salvate, inclusa una donna che è stata trovata viva all’interno della barca ribaltata, mentre almeno una persona è ancora dispersa.

Ultime notizie