martedì, 16 Agosto 2022

Oregon 2022, salto triplo: Ihemeje a caccia di una medaglia. Anche Dallavalle in finale

Il triplista di Carrara sarà di scena nella finale a dodici che si tiene nella notte tra il 23 e il 24 luglio. Nelle altre gare tripletta Usa nei 200 uomini. Gli italiani in gara oggi: staffette 4x100 e 800 metri femminili.

Da non perdere

Buone notizie da Hayward Field per gli azzurri impegnati nella notte nelle qualificazioni del salto triplo ai Mondiali di Atletica di Eugene, in Oregon. Emmanuel Ihemeje e Andrea Dallavalle raggiungono la finale mondiale in programma alle 3,00 della notte tra sabato e domenica. I due azzurri passano di slancio il turno classificandosi rispettivamente al terzo e settimo posto. Potrebbe quindi arrivare ancora dalla pedana dei salti la medaglia che andrebbe a fare il paio con quella conquistata da Elena Vallortigara. Soprattutto Ihemeje è apparso in ottima forma, realizzando un ottimo 17,13 che lo proietta tra i favoriti nella caccia al podio. Occhi puntati però anche sul secondo asso azzurro, già in grado di realizzare nel corso della stagione a Rieti, uno splendido 17,28. Nulla da fare per il terzo rappresentante italiano in gara. Tobia Bocchi si ferma a 16,58 e viene eliminato.

Gli altri azzurri e le finali di ieri

Negli 800 maschili possiamo recriminare per il mancato accesso alla finale di Catalin Tecuceanu: l’atleta, nazionale azzurro da quest’anno, si lascia staccare dagli avversari nelle fasi iniziali, prova la rimonta già riuscita nelle batterie sul rettilineo conclusivo e termina quarto. Va in semifinale invece Elena Bellò: la mezzofondista di Schio è vittima di una scorrettezza della slovena Horvat e conclude all’ultimo posto la sua fatica. Viene ripescata però. Nelle altre discipline dominio nordamericano nelle finali dei 200m: gli Usa stravincono la gara maschile ripetendo il successo nei 100. Ancora una tripletta per il team a stelle e strisce. Vince Noah Lyles con uno stratosferico 19″31, terza prestazione all-time. Dietro di lui i compagni di squadra Bednarek e Knighton. Tra le donne invece oro per la giamaicana Shericka Jackson: tempo monstre di 21’45 che conferma la velocità della pista di Eugene.

Gli italiani in gara oggi: il momento delle staffette

Nella notte tornano protagonisti gli uomini e le donne più veloci del mondo, impegnati nelle staffette 4×100. L’Italia maschile, che si presenta all’appuntamento dopo l’oro alle Olimpiadi, dovrà fare a meno come già noto di Marcell Jacobs. Già definito il quartetto azzurro: Patta in prima frazione, Tortu in seconda e a chiudere Fausto Desalu e Chituru Ali. Passano le prime tre classificate di ogni batteria e due tempi di ripescaggio. Gli Usa, strafavoriti nell’occasione, gareggeranno senza il neo campione iridato Kerley. Tra le donne invece Dosso, Kaddari, Bongiorni e Fontana proveranno a conquistare una finale già ottenuta ai Mondiali di Doha e sfiorata a Tokyo. Rivedremo in pista anche la Bellò impegnata nella semifinale degli 800m.

Ultime notizie