martedì, 9 Agosto 2022

Club Tenco, Targhe Tenco 2022: i vincitori

Riconoscimento "Targhe Tenco" a Marracash ed Elisa nelle categorie Miglior Album in assoluto e canzone singola.

Da non perdere

“Targhe Tenco” è, dal 1984, il riconoscimento che viene assegnato da una giuria di critici e giornalisti musicali per i migliori album e per le canzoni singole. Lo scorso 12 luglio a ricevere l’ambito premio sono stati Marracash ed Elisa.

L’album migliore dell’anno è “Noi, loro, gli altri” (Island Records/ Universal Music Italia) di Fabio Rizzo, in arte Marracash. La giuria per questo album ha espresso una preferenza netta di 53 voti. Il disco nasce dall’esigenza dell’artista di esprimere la sua personale visione del mondo intorno a lui, delle esperienze e delle difficoltà che rendono maturi i suoi testi. Una visione introspettiva che viene rimarcata attraverso un flow accattivante che cattura l’attenzione dell’ascoltatore e che evidenzia la sensibilità dell’artista e la sua paura di perdere gli affetti cari. Questo disco vanta anche della collaborazione di grandi artisti come Davide Petrella, Vasco Rossi, Tiziano Ferro, Blanco, Mahmood ed Elodie.

Gli altri finalisti, in ordine di preferenze ottenute, sono stati: Cristina Donà con “DeSidera” (47 preferenze); Giovanni Caccamo con “Parola” (42); Max Manfredi con “Il grido della fata” (38); Erica Boschiero con “Respira” (20), Federico Sirianni con “Maqroll” (20). Per la sezione Opera Prima la vittoria è andata a Ditonellapiaga con l’album “Camouflage” (Dischi Belli/BMG Italy) con 51 preferenze. Facevano parte delle nomination: Djelem Di Mar / Voci oltre (50 voti); Blanco / Blu Celeste (45); Isotta / Romantic Dark (28); Ariete / Specchio (27).

“Targhe Tenco” anche per la cantante friulana Elisa Toffoli. La migliore canzone singola è O forse sei tu (Island Records/Universal Music Italia) con una preferenza di 53 voti. La canzone è arrivata seconda sul podio della scorsa edizione del Festival di Sanremo e ha segnato il ritorno di Elisa sul palco dell’Ariston a distanza di 21 anni dalla sua partecipazione con il brano “Luce( tramonti a nord-est)“.  Questo distacco si deve alla penna di Davide Petrella che ha collaborato con l’artista per raccontare l’anima romantica del singolo. “O forse sei tu” è il racconto dell’evoluzione di una storia d’amore che viene vissuto con la consapevolezza di un sentimento che è il motore della vita insieme, unisce due persone come se un fil rouge le avesse riportate vicine. Una relazione matura dettata dalle leggi del destino e dalla voglia di essere uniti anche quando sopraggiungono momenti difficili. Un sound calmo, maturo, dolce che rimarca la voglia di viversi ogni giorno.

A contendersi il primo posto: “Tiritera delle canzoni che volano” cantata da Alessandro D’Alessandro con Elio & David Riondino (43); “Ok Boomer” cantata da The Zen Circus feat. Brunori Sas (41); “Desiderio” cantata da Cristina Donà (34); “In fondo al  900” da Andrea Tarquini (26); “Freccia” da Rancore (18).

La miglior interprete per la categoria Interpreti di canzoni  è Simona Molinari con il disco “Petali” che ha ottenuto 53 preferenze. Questo disco è il frutto di una riflessione sulla propria vita e sulle esperienze vissute. Le canzoni sono incentrate sui temi sociali come il ruolo e i diritti delle donne. “Lei balla sola” è la storia di una clochard che si spoglia di tutte le convenzioni, fa casa dentro di se, non le interessa il pensiero degli altri, è libera e non ha paura.

Tra i finalisti: Olden con il brano “Questi anni – Dieci brani inediti” di Gianni Siviero che ha ottenuto 43 voti; Peppe Barra con “Cipria e caffè” che conta 42 preferenze; Cristina Zavalloni e la sua “Parlami di me – Le canzoni di Nino Rota” con 41; Mario Venuti con “Tropitalia” che ha ottenuto 40 voti.

Per la targa Miglior album in dialetto, l’opera più apprezzata è stata quella degli ‘A67 (con 54 voti) con “Jastemma (Squilibri editore)”. Gli altri candidati erano: James Senese  con “James is back” (53); Nino D’Angelo con “Il Poeta che non sa parlare” (48); Davide Van De Sfroos con Maader Folk (46); Manutsa con”Parru cu tia (La voce delle donne)” (19).

Per la Targa Tenco Album collettivo a progetto (che ricordiamo, va al produttore) ha ottenuto maggiori consensi The Gathering (Quiet) prodotto da Ferdinando Arnò con 54 voti. A seguire: Parole liberate (52 voti); Lella per sempre (29); Capo Verde, Terra d’Amore. Il Vinile (26); Music for Change #21 (26).

Le Targhe verranno consegnate nell’edizione 2022 della Rassegna della Canzone d’autore (Premio Tenco), in programma al Teatro Ariston di Sanremo il 20, 21 e 22 ottobre.

Ultime notizie