venerdì, 19 Agosto 2022

Vela, Italia vince la Nations Cup. Al via i Mondiali Youth: occhi puntati sul barese Vittoli

Italia super protagonista in questi giorni anche nella vela. Vince la Nations Cup grazie, soprattutto, alle prestazioni incredibili del tredicenne barese Francesco Carrieri che vince il bronzo ai Mondiali Optimist.

Da non perdere

Oggi in Olanda al via i Mondiali giovanili di vela ai quali parteciperanno tanti azzurrini: classe 420 con Fabbrini-Maione e Michelini-Bonifaccio; classe 29er con Vittoli-Marchesini e Bellomi-Conti; classe Nacra15 con Bona-Poggi; classe Kitefoil con Pianosi e Spanu; classe Iqfoil con Gavioli e Renna; classe Ilca6 con Cesana e Rizzardi. Fra i più attesi Carlo Vittoli, il diciassettenne barese, da noi intervistato, che andrà in scena oggi, con il suo compagno Marchesini, nella classe 29er.

Ieri, invece, ai Mondiali Optimist di Bodrum (Turchia), l’Italia ha vinto la Nations Cup soprattutto grazie ad un grande ma piccolo atleta barese Francesco Carrieri. L’Italia porta a casa per il secondo anno consecutivo la Nations Cup, sommando al 3.o posto di Francesco Carrieri il 12.o posto di Giuseppe Montesano (Sirena CNT), il 13.o di Mattia di Martino (Società Velica di Barcola Grignano), il 14.o di Niccolò Pulito (Tognazzi Marine Village) e il 50.o di Alberto Avanzini (Centro Nautico Bardolino). Una nazionale esordiente che offre una prestazione molto consistente, che la dice lunga sul lavoro dei tecnici degli Yacht Club italiani e di tutta la Classe Optimist Italia.

Francesco Carrieri

Francesco Carrieri (Circolo Vela Bari) è medaglia di bronzo a 13 anni, alla sua prima convocazione in nazionale per il titolo iridato, dopo dodici, eccellenti, faticose e bellissime prove: “Ho fatto bene – dichiara a caldo – sono contento soprattutto perché sono sul podio pur avendo sbagliato molto, ma va bene così, va davvero bene: è stato un campionato molto difficile”. Vento irregolare, a tratti anche molto forte, 12 estenuanti prove nelle quali Carrieri ha dovuto prima tenere a bada la squadra ucraina, e poi, nelle ultime regate, gestire le performance in crescendo dell’americano James Pine, medaglia d’argento, e del Thailandese Weka Bhanubandhnuovo campione mondiale Optimist. Per il tredicenne barese una medaglia di bronzo che per noi vale oro.
Francesco Carrieri è nato nel 2009 (13 anni) e i Mondiali di Bodrum sono stati la sua prima esperienza internazionale. Ha iniziato con un corso di vela alla Lega Navale Italiana di Trani, per poi passare alla LNI di Bari e infine da Juniores è approdato al Circolo Vela Bari, con l’allenatore Beppe Palumbo. Finora si era distinto a livello nazionale vincendo due volte il Trofeo Optimist Kinder Joy of Moving, da Cadetto e da Juniores, due Trofei Optisud e quest’anno ha ottenuto un terzo posto alla Selezione Nazionale nelle due tappe a Ragusa e Gaeta. Tutti i suoi avversari in classifica al Mondiale sono giovani velisti esperti, già da anni ai vertici internazionali.
Francesco è un ragazzo sempre positivo, metodico, e va molto bene a scuola – quest’anno ha superato l’esame di terza media col massimo dei voti.

Intanto agli Europei 49er 2022

Proseguono ad Aarhus i Campionati Europei 2022 del doppio acrobatico olimpico 49er, con una seconda giornata di gara che si è conclusa con lo svolgimento di altre tre prove di qualificazione per ciascun equipaggio, in attesa di un day-3 che determinerà la promozione in Gold Fleet dei primi 25 classificati in entrambe le competizioni.
A spiaccare sono Jana Germani e Giorgia Bertuzzi che si confermano le migliori azzurre con una bella progressione (12-6-1 nella Blue Fleet) che consente loro di balzare addirittura in quinta piazza overall e terza europea a quota 23 punti, quindi a -11 dalle battistrada danesi Johanne e Andrea Schmidt e a -9 dalle svedesi Vilma Bobeck/Rebecca Netzler.

Ultime notizie