venerdì, 19 Agosto 2022

Cogne, il fratello dell’escursionista scomparso: “Ho bisogno di 10 volontari per continuare le ricerche”

Il fratello dell'escursionista scomparso lo scorso 22 maggio, ha lanciato un appello su Facebook per organizzare un gruppo di volontari disposti ad aiutarlo nella ricerca del fratello disperso

Da non perdere

Proseguono le ricerche per Raphael Rinaldi, l’escursionista triestino disperso lo scorso 22 maggio a Cogne in Val D’Aosta. La famiglia ha lanciato un appello sui social e organizzare un gruppo di volontari per mercoledì 13 luglio. Il compito sarà quello di perlustrare un’area sottostante al percorso che parte da Lillaz e arriva a Punta Fenilia, a circa 2 mila metri di altezza. In questa zona Raphael è stato avvisato per l’ultima volta il 22 maggio da un altro escursionista. “Necessito di almeno una decina di volontari che possano passare tutta la giornata a setacciare una zona boschivo-montana: si tratta di una ricerca fuori sentiero” scrive su Facebook il fratello d Raphael, Cristiano. Dopo aver proseguito le ricerche per quattro giorni, la Protezione Civile aveva deciso di sospendere le operazioni fino alla scoperta di nuovi elementi utili.

Il momento della scomparsa

Raphael, fisioterapista che lavorava a Chamonix in Francia, si era recato in montagna per incontrare l’altro fratello Andrea ai piedi del Gran Paradiso, dove quest’ultimo stava lavorando per il Giro d’Italia. Il fisioterapista aveva mandato un messaggio al fratello dicendogli che sarebbe andato a fare un’escursione, ma da quel momento si sono perse le sue tracce. Soltanto la sua auto è stata trovata parcheggiata a Lillaz, mentre il cellulare risultava già spento.

Ultime notizie