martedì, 9 Agosto 2022

Litigano davanti al locale e arriva la Polizia: Daspo “Willy” per un uomo e una donna. Niente movida per un anno

I due giovani hanno il divieto di accedere al locale dove è avvenuta la lite e ai luoghi limitrofi per un anno dalle ore 19 alle ore 5.

Da non perdere

Due Daspo “Willy” sono stati emessi dalla Polizia di Stato di Perugia nei confronti di due giovani responsabili di un’animata lite, avvenuta il 20 maggio in un locale a Città di Castello. In seguito alle attività di accertamento da parte della Divisione Anticrimine della Questura, il comportamento di una donna di 39 anni e un uomo albanese di 37 anni è stato ritenuto talmente pericoloso e lesivo dell’ordine e della sicurezza pubblica, al punto da emettere delle misure di prevenzione personali.

Il Questore ha dunque vietato all’uomo e alla donna di accedere, dalle ore 19 alle ore 5, al locale dove è avvenuta la lite e a tutti gli altri pubblici esercizi presenti in piazza Gioberti, nelle piazze e nelle strade limitrofe e lo stazionamento nelle vicinanze degli stessi. Tale divieto, che rientra nei divieti di accesso ad aree urbane (DACUR), ha validità di un anno e la sua violazione è punita con la reclusione da sei mesi a due anni e la multa da 8mila a 20mila euro.

La misura prende il nome dalla tragica fine di Willy Montero, per la cui morte proprio oggi è arrivata la sentenza di condanna all’ergastolo ai fratelli Bianchi e altre due pene di 21 e 23 anni. Il DASPO Willy si applica come misura di prevenzione per le risse. La misura contro la movida violenta consiste nel divieto di accesso ai locali di intrattenimento e ai pubblici esercizi per i protagonisti di disordini o atti violenza e innalza la multa da 309 a 2mila euro e la reclusione da sei mesi a sei anni se qualcuno resta ferito o ucciso nella rissa.

Ultime notizie