venerdì, 19 Agosto 2022

Sanità, appalti truccati per il trasporto pazienti: in 13 nel mirino della Procura di Pavia

Tra i destinatari delle notifiche dipendenti pubblici dell'Azienda sanitaria di Pavia adesso in pensione. Il giro degli appalti truccati si aggira sugli 11 milioni di euro.

Da non perdere

Nel mirino della Procura di Pavia sono finiti alcuni appalti truccati per il trasporto dei pazienti a cura dell’Azienda sanitaria locale. Tredici sono state le notifiche di chiusura della indagini. Tra i destinatari ci sono ex dirigenti dell’Azienda sanitaria di Pavia e amministratori della First Aid, cooperativa con sede a Pesaro. L’inchiesta aveva già portato, nel marzo del 2021, a 4 arresti, perquisizioni e sequestri in Lombardia, Marche, Lazio e Sicilia.

Le indagini

Dalle indagini delle Fiamme Gialle sono emerse “diverse gare d’appalto per l’affidamento di servizi di trasporto in ambulanza, in diverse parti del territorio nazionale, tra cui Pavia, Roma, Milano, Perugia, Ancona, Pescara, Napoli e Vimercate, turbate mediante impiego di mezzi fraudolenti, in relazione alle quali sono state altresì accertate molteplici frodi nell’esecuzione del servizio pubblico“. Tra i reati contestati agli indagati c’è l’associazione a delinquere per turbativa d’asta, frodi nelle pubbliche forniture, caporalato e reati fiscali. Fin dalla prima fase dell’inchiesta la Procura di Padova aveva ordinato il sequestro “dell’intero compendio aziendale della cooperativa, il cui patrimonio è di circa 5 milioni di euro, oltre al sequestro per equivalente di circa 200mila euro in capo ai caporali“. Il giro d’affari degli appalti truccati si aggira sugli 11 milioni di euro.

Ultime notizie