venerdì, 19 Agosto 2022

Guerra in Ucraina, il bilancio dei morti ad Odessa sale a 21. Finlandia e Turchia: “Non abbiamo discusso di nessuna estradizione”

Sale il bilancio delle vittime dopo i missili scagliati su Odessa. A Mariupol, è stata ritrovata un'altra fossa comune da 100 cadaveri. Intanto, Finlandia e Turchia affermano di non aver stretto accordi su nessuna estradizione specifica.

Da non perdere

La guerra in Ucraina continua a colpire civili innocenti. Il servizio di sicurezza dello Stato ucraino (SBU) ha fatto sapere che il bilancio delle vittime degli attacchi missilistici russi segnalati nella regione sud-occidentale di Odessa è ora di 21 persone, inclusi due bambini. Un precedente bilancio fornito dalle autorità ucraine affermava che 18 persone erano morte negli attacchi. Altre 38 persone, tra cui 6 bambini e una donna incinta, sono state ricoverate in ospedale dopo essere state ferite durante gli attacchi. Secondo alcune indagini, i bombardieri russi hanno sparato tre missili X-22 che hanno colpito un condominio e due campeggi.

Mosca ha negato la responsabilità sull’accaduto. Il governo tedesco ha condannato i presunti attacchi missilistici russi a Odessa, affermando che i raid contro i civili sono crimini di guerra. “Il presidente russo e i responsabili dovranno essere ritenuti responsabili“, ha detto un portavoce del governo tedesco in un briefing.

Mariupol, scoperta nuova fossa comune

A Mariupol è stata trovata un’altra fossa comune con 100 cadaveri. Lo ha riportato su Telegram il consigliere del sindaco, Petro Andryushchenko. “Le tombe temporanee nelle strade si stanno gradualmente trasformando in tombe permanenti“, ha dichiarato.

Nessuna estradizione discussa tra Finlandia e Turchia

Finlandia e Turchia non hanno discusso dell’estradizione di individui o gruppi di persone specifici durante i negoziati al vertice della Nato a Madrid questa settimana, ha affermato il ministro degli Esteri finlandese Pekka Haavisto. “Tutto ciò che abbiamo concordato è stato sottoscritto da entrambe le parti in un testo“, ha detto Haavisto in una conferenza stampa a Helsinki, riferendosi a una telefonata con il suo omologo turco Mevlut Cavusoglu giovedì. “Non abbiamo discusso, a Madrid, di alcun individuo o di alcun elenco“, ha aggiunto. Dopo quattro ore di colloqui in Spagna martedì, Turchia, Finlandia e Svezia hanno firmato un memorandum congiunto sulle misure di sicurezza in cambio della revoca della sua opposizione alla richiesta di adesione alla NATO, imposta da Ankara a maggio a causa di preoccupazioni per il “terrorismo”. Stando alle parole dei paesi convolti, il memorandum firmato non elenca alcun individuo per l’estradizione.

Ultime notizie