venerdì, 19 Agosto 2022

Covid, nella mappa Ecdc l’Italia torna in rosso scuro. Pregliasco: “Percezione di eccessiva bontà del virus non minimizziamo”

Secondo l'ultima mappa dell'Ecdc il nostro Paese si colora di rosso scuro, tornando nella fascia di maggiore rischio. Il virologo Pregliasco: "Una percezione di eccessiva bontà del virus che ostacola l'uso delle mascherine".

Da non perdere

Nemmeno il caldo infernale di queste ultime settimane è riuscito a frenare la corsa del Covid-19 in Italia. Secondo l’ultima mappa dell’Ecdc, Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie, il nostro Paese si colora di rosso scuro, aggiudicandosi la fascia di maggiore rischio. L’ultimo aggiornamento pubblicato oggi mostra come anche il Piemonte, la Valle d’Aosta e il Trentino, fino alla scorsa settimana di un rosso meno carico e collocate nella zona di rischio inferiore, si siano invece scurite sulla mappa. Un segnale che evidenzia quanto sia in risalita il tasso di contagio sul territorio italiano, come nel resto d’Europa.

Le raccomandazioni del virologo Pregliasco

Secondo le ultime dichiarazioni rilasciate dal virologo Fabrizio Pregliasco, docente dell’università Statale di Milano, all’Adnkronos, l’infezione si sarebbe rabbonita grazie alla presenza di varianti e sotto varianti meno aggressive. Il virologo ha sottolineato come “grazie all’immunità conferita dai vaccini che in parte continuano a proteggere dalle problematiche più gravi, grazie all’immunità naturale“. Tuttavia, l’esperto ha evidenziato come continui a circolare assieme al virus anche “una narrazione che porta a minimizzare l’effetto della malattia” provocata da Sars-Cov-2 nella variante Omicron 5. Una percezione, a suo avviso, “di eccessiva bontà del virus“, che finisce per ostacolare l’uso delle mascherine che andrebbero comunque utilizzate “con buon senso e ogni volta che serve, specie se siamo persone fragili o assistiamo pazienti fragili“.

Ultime notizie