sabato, 13 Agosto 2022

Varese, aziende senza contratti d’affitto dipendenti e utenze: chiuse partite IVA “dormienti” – VIDEO

Nel mirino delle Fiamme Gialle di Varese alcune società formalmente attive sul territorio e riconducibili a soggetti gravati da numerosi precedenti penali. L'attività dei militari si è conclusa con alcuni provvedimenti adottati dall'Agenzia delle Entrate in merito alla cessazione di 4 partite Iva, fittiziamente operanti in vari settori.

Da non perdere

Le Fiamme Gialle di Varese hanno concluso una complessa attività di Polizia economico-finanziaria volta alla prevenzione e al contrasto dell’uso illecito di partite IVA dormienti, esistenti nel territorio della provincia di Varese. L’attività eseguita dai militari della Compagnia di Gallarate trae origine da una metodologia sviluppata dal Comando Provinciale Varese relativa al monitoraggio e controllo di società formalmente operanti sul territorio riconducibili a soggetti gravati da numerosi precedenti penali, quali associazione di tipo mafioso, produzione e traffico illecito di sostanze stupefacenti, evasione, estorsione, auto riciclaggio, truffa, ricettazione, possesso e fabbricazione di documenti falsi e turbata libertà degli incanti.

I sopralluoghi effettuati presso le sedi legali e il luogo di esercizio dichiarati consentivano di accertare in primo luogo l’assenza di qualsiasi struttura adibita all’attività imprenditoriale. Gli ulteriori approfondimenti esperiti hanno evidenziato che le società e i rappresentanti legali non erano titolari di alcun contratto di locazione nei luoghi presso cui sarebbero state dichiarate le sedi né altrove, l’assenza di personale assunto, di utenze attive. L’incrocio delle informazioni contenute nelle banche dati in uso al Corpo e della fatturazione elettronica obbligatoria consentiva di accertare che le società non erano abilitate nemmeno ad effettuare commercio via internet e che tantomeno avevano concluso alcuna operazione commerciale.

Da riscontri eseguiti presso l’ufficio S.U.A.P. (sportelli unici delle attività produttive) dei Comuni di domicilio fiscale le società risultavano inattive. Le partite Iva su cui si sono focalizzate le investigazioni risultavano, dunque, in parte riconducibili a società inattive o cosiddette dormienti, in quanto rivelavano l’inesistenza di qualsiasi attività economica nelle tre annualità precedenti oppure a società di recente costituzione per le quali non erano stati forniti dati esatti ai fini della loro corretta individuazione.

Pertanto, all’esito delle attività svolte, è stata avanzata apposita istanza all’Ufficio dell’Agenzia Delle Entrate Direzione Provinciale di Varese al fine di avviare la procedura di chiusura, ex articolo 35, comma 15- bis e chiunque D.P.R. n. 633/1972, modificato dall’articolo 7-quater del D.L. n. 193/2016 delle partite iva. L’attività si è conclusa con l’adozione di appositi provvedimenti dell’Agenzia dell’Entrate di cessazione di 4
partite iva fittiziamente impiegate nella gestione di parcheggi e autorimesse, confezionamento di generi alimentari, riparazioni meccaniche di autoveicoli e commercio all’ingrosso di imballaggi.

Ultime notizie