venerdì, 19 Agosto 2022

Wimbledon, Sinner ha la meglio su Wawrinka: prima vittoria per l’azzurro sull’erba londinese

Debutto con vittoria per Jannik Sinner a Wimbledon contro lo svizzero Stan Wawrinka. Il match, iniziato in ritardo per la pioggia che ha posticipato quasi tutti gli incontri; si è concluso al quarto set dopo che l'azzurro aveva perso malamente il secondo parziale. Da quel punto Jannik ha alzato il suo livello di gioco e Stan non è riuscito più a stare dieto all'italiano che ha concluso per 7-4, 4-6, 6-3, 6-2.

Da non perdere

Inizio di Wimbledon sotto il segno della pioggia, in realtà non una novità a Londra, che blocca i primi match. Dopo la pausa si riprende a giocare, giusto il tempo per concludere qualche match, che la pioggia di nuovo non lascia scampo. Il gioco riprende verso le cinque ora italiana. Tra gli italiani scesi in campo oggi a Wimbledon c’è Jannik Sinner. Senza fare torto a nessuno Sinner (insieme a Berrettini) è sicuramente il tennista italiano più atteso, testa di serie n.10 del torneo. Dopo l’infortunio al ginocchio e l’amaro ritorno sull’erba di Eastbourne, lo Slam londinese è senz’altro un importante banco di prova per l’altoatesino, che dopo il nuovo allenatore Vagnozzi, ha effettuato altri cambiamenti allo staff, tra tutti la scelta del coach supervisor, l’ex tennista australiano Darren Cahill. Il tennista azzurro al suo debutto, ha affrontato il redivivo e tre volte campione Slam, Stanislav Wawrinka che a 37 anni vuole ancora dire la sua. Scivolato al 256° posto della classifica mondiale, lo svizzero di Losanna rimane comunque un bel giocatore da vedere stilisticamente, in particolare per il suo rovescio che per anni è stato uno dei colpi più ammirati a livello mondiale. Sinner, n.13 del mondo, nonostante sia in pieno “avori in corso”, non poteva farsi sfuggire l’occasione di entrare di prepotenza nel torneo e far vedere i miglioramenti, sinceramente ancora pochi, sull’erba. La partita si è disputata con la vittoria finale di Jannik al quarto set. Dopo un set pari, Sinner ha iniziato a giocare senza paura e a lasciare andare il braccio conquistandosi l’accesso al secondo turno.

IL MATCH

Apre al servizio il tennista della Val Pusteria in un game che dura più del previsto e che l’azzurro riesce a portare a casa dopo di diversi vantaggi. Stessa cosa succede a Wawrinka ma con la differenza che prima di pareggiare i conti deve salvare una palla break. Nel successivo turno di battuta Sinner se la sbriga molto più velocemente e si va così alla prima pausa sul 2-1 per il n 10 del seeding. Lo svizzero in questi primi 4 giochi sempre voler replicare Jannik vincendo a sua volta agevolmente il proprio turno. La cosa che risalta più all’occhio è che entrambi sembrano giocare alla stessa maniera anche durante gli scambi, alternando colpi in rotazione da fondo campo, a diverse palle corte. Il match rimane in equilibrio anche se un primo cambiamento sugli scambi da fondo lo da proprio Wawrinka che inizia a spingere molto di più. L’azzurro non si fa prendere dalla paura e comincia anche lui a rispondere colpo su colpo salendo 4-3 e chiudendo l’ultimo punto con un ace ad uscire. Come se non bastasse Sinner, complice anche un brutto game al servizio di Wawrinka, riesce a ottenere il break al secondo tentativo guadagnandosi la possibilità di chiudere il primo set nel suo turno di battuta. Arriva però subito il contro-break con Jannik che sbaglia diverse scelte e si concede anche lui al suo avversario. Più che mai ora i due giocatori gestiscono i propri turni in fotocopia. Se gioca bene uno, gioca bene anche l’altro; se gioca male uno, l’altro lo segue a ruota. E così il risultato dopo 45 minuti dice 5-5. Sinner in seguito vince il suo game riportandosi di nuovo a un passo dal primo parziale. Stan invece subisce l’aggressività dell’italiano nell’11° gioco e grazie anche al suo primo doppio fallo concede un set point a Jannik. Lo svizzero riesce a salvarlo ma stavolta, dopo aver concesso un’ulteriore palla set, pasticcia tirando un dritto facile a rete. Il tennista azzurro riesce quindi a portare a casa la prima partita di questo incontro con il risultato di 7-5 in un match fin a d’ora abbastanza bruttino.

2° SET

Come nel primo, comincia a servire Sinner che mette un po’ di paura ai suoi fans dovendo salvare due palle break per poi salire in avanti col punteggio 1-0. Parte male anche Wawrinka sotto 0-40 ma con grande caparbietà e grazie al servizio salva un game quasi perso. Cosa che dà carica a Stan che ottiene il break su Jannik. Da segnalare anche due dritti lungo linea fantastici che hanno lasciato fermo il giocatore italiano. Nel successivo game lo svizzero conferma il break nonostante ha dovuto di nuovo salvare una palla break. Sono 3 i giochi consecutivi persi da Sinner che ha avuto sempre la chance del break ma che, o per mancanza di sicurezza o per scarsa cattiveria, non è riuscito a ottenere. Wawrinka non è gioca molte prime palle di servizio ma l’azzurro in questo momento non ha l’aggressività giusta in risposta. Il set si mantiene con l’ex n. 3 al mondo in vantaggio di un break al cambio campo con il risultato di 4-3. I successivi due game mantengono la stessa inerzia dei primi sette e Wawrinka conduce 5-4 con la possibilità di servire per pareggiare i conti nel match. Lo svizzero gioca in maniera accademica e porta a casa il set 6-4 tenendo il servizio a zero. Tutto da rifare per Jannik che ha mostrato in questo parziale difficoltà nei movimenti, scivolando molte volte. Dannose al fine del 2° set, anche le tante palle break non sfruttate.

3° SET

Parte bene l’italiano alla battuta che sale senza particolari problemi sul 1-0. Jannik riesce a tenersi avanti facilmente col punteggio al servizio e arriva anche il break nei confronti di Wawrinka che sembra soffrire di un leggero calo. Break che Sinner conferma nel 5° game e che li consente di allargare la forbice proiettandolo avanti prima 4-1 e dopo 5-2 con Wawrinka che deve servire per rimanere nel set. Dopo aver confermato le aspettative l’azzurro gioca senza paura e grazie anche a due punti spettacolari chiude il 3° set 6-3. In questo parziale la differenza l’ha fatto certamente la maggiore consapevolezza di Jannik da fondo campo che lo ha portato a giocare in maniera molto più sicura e decisa nei momenti più importanti, soprattuto nel momento in cui ha vinto il break. Cosa che non è riuscito a fare nel secondo parziale.

4°SET

Sinner prende carica dopo essere salito 2 set a 1 e anche in avvio di quarto continua a giocare in maniera offensiva, cosa che avrebbe dovuto fare fin dall’inizio della partita: arriva il break in apertura in favore dell’italiano che lo conferma poi a zero consentendogli di scappare 2-0. Dall’altra parte continua il calo del vecchio Stan che cerca una difficile rimonta a maggior ragione contro un Jannik che ora lascia andare per davvero il braccio, cosa che li garantisce diversi vincenti. Ora la lotta per l’azzurro non è solo contro Wawrinka ma anche contro l’oscurità. La luce non durerà ancora per molto e Sinner deve a tutti i costi chiudere in questo set per evitare che la partita venga interrotta e ripresa il giorno successivo, cosa che nel Tennis potrebbe far cambiare completamente le carte in tavola. Jannik rimane concentrato e con grande tenuta mentale vola 4-2. Ora tutti e due i giocatori vanno di fretta, non solo l’azzurro ma anche Wawrinka. Nemmeno lo svizzero sembra voler continuare la partita il giorno dopo e gioca tutti i punti come se non ci fosse appunto un domani, cosa che lo porta a sbagliare moltissimo nel suo turno di servizio. Ciò non può che favorire Jannik Sinner che ottiene un secondo break ai danni di Stan e va a servire per il match sul 5-2. In un attimo l’italiano si trova a match point e chiude in bellezza con un ace. Il risultato finale dice: 7-5, 4-6, 6-3, 6-2. L’allievo di Vagnozzi è uscito alla distanza giocando con grande aggressività e intelligenza, al contrario dopo una buona parte centrale di partita, Wawrinka non ne aveva più e ha dovuto lasciare via libera al giovane azzurro. Per Stan speriamo non sia l’ultima, per quel che riguarda Jannik una vittoria che gli può dare maggiore certezza per il proseguo del torneo su una superficie in cui prima di oggi non aveva mai dato una gioia al n.13 del mondo. Ora al secondo turno lo aspetterà il vincente fra Ymer e Altaimer. Chiunque vinca fra i due, il favorito nel secondo turno rimane il giovane della Val di Pusteria.

Ultime notizie