sabato, 13 Agosto 2022

Maturità 2022, al via gli orali: niente più tesina e 5 punti bonus per i piú bravi

Al via gli esami orali di maturità, da quest'anno cambia tutto: niente più tesina ma immagini e documenti per iniziare il colloquio; 5 punti bonus per i maturandi più bravi e la lode per chi ha ottenuto la media del 9 nel triennio e 70 punti tra prove scritte e crediti scolastici.

Da non perdere

Al via da oggi, in quasi tutte le regioni d’Italia, l’ultimo step degli esami di maturità 2022: il colloquio orale. A detta di molti, quest’anno sarà più “tortuoso” di quelli precedenti. Saranno cinque i candidati ascoltati ogni giorno e saranno portati avanti fino alla metà di luglio.

MODALITÁ DI SVOLGIMENTO

Il maturando partirà dall’analisi del materiale scelto dalla commissione: un testo, un problema, un progetto, una foto o un documento che fungerà da spunto per iniziare il vero e proprio colloquio orale, durante il quale si dovrà spaziare in ogni ambito disciplinare, ovviamente sempre tenendo conto dei programmi effettivi trattati e delle esperienze vissute durante il corso dell’anno. Niente più tesina, ma solo nuovi approcci. Basti pensare che in sede d’esame si discuterà anche delle attività di PCTOPercorsi per le Competenze Trasversali e per l’Orientamento, di CLILContent and Language Integrated Learning e di Educazione civica.

VALUTAZIONE

Il colloquio orale potrà valere massimo 25 punti, che si andranno ad aggiungere a quelli della prima prova, della seconda e dei crediti scolastici per ottenere così il voto finale della maturità. La commissione potrà anche assegnare 5 punti bonus agli studenti che hanno avuto accesso agli esami con almeno 30 crediti e hanno totalizzato 40 punti tra scritti e orali. Coloro che aspirano alla lode devono aver ottenuto la media del 9 durante il triennio e aver raggiunto il punteggio massimo in ogni prova d’esame.

Ultime notizie