venerdì, 19 Agosto 2022

Guerra in Ucraina, continua l’assedio di Kiev all’Isola dei Serpenti. Nell’Azot bloccati 500 civili. Mosca attacca Kremenchuk

Continua l'operazione militare delle forze armate ucraine sull'Isola dei Serpenti. La scorsa notte oltre 10 raid di precisione sono stati lanciati sull'isola. Circa 500 civili sarebbero ancora intrappolati nell'impianto chimico Azot, a Severodonetsk. Nel pomeriggio è stata attaccata la città di Kremnchuk, nella regione di Poltava.

Da non perdere

Continua l’operazione militare delle forze armate ucraine sull’Isola dei Serpenti. La scorsa notte oltre 10 raid di precisione sono stati lanciati sull’isola. “Al momento stiamo verificando i risultati dell’offensiva, ma siamo già stati informati del fatto che un altro sistema missilistico è stato colpito e abbattuto”, ha detto Natalia Humeniuk, portavoce delle Forze di difesa meridionali dell’esercito ucraino. “In seguito agli attacchi dei giorni scorsi, ai russi sono rimaste solo due navi con 16mila missili da crociera a protezione dell’Isola”, ha aggiunto.

Circa 500 civili intrappolati nell’Azot. Attaccata la città di Kremenchuk

Circa 500 civili, intanto, sarebbero ancora intrappolati nell’impianto chimico Azot, a Severodonetsk. A dichiararlo è stato l’ambasciatore della Repubblica Popolare di Lugansk, come riportano le agenzie russe. Nel pomeriggio, invece, è stata attaccata la città di Kremenchuk, nella regione di Poltava. Lo ha comunicato su Telegram il governatore, Dmytro Lunin, aggiungendo che seguiranno dettagli ed esortando i cittadini a rimanere nei rifugi. Vladimir Putin ha accettato l’invito a prendere parte al G20 in Indonesia. Il summit è in programma a novembre. Ad annunciarlo, il consigliere presidenziale russo Yuri Ushakov, come riportato da Interfax.

Ultime notizie