sabato, 13 Agosto 2022

Allora Fest, Jeremy Irons si racconta e avverte i giovani: “Se siete bravi in altro non diventate attori”

In occasione di Allora Fest Jeremy Irons ha ripercorso la sua carriera ricordando David Lynch, Bertolucci e quella volta che ha detto no a Clint Eastwood.

Da non perdere

Dopo un giro ai sassi Matera, nella giornata di ieri Jeremy Irons è stato protagonista di un incontro con il pubblico nell’ambito di Allora Fest, Festival internazionale di Cinema, Musica e Arte in corso nella città di Ostuni. Con un peculiare outfit estivo composto da cappello di paglia, sandali e tuta nera, l’attore inglese ha ripercorso la sua carriera e risposto alle numerose domande del pubblico, la quali hanno innescato una serie di divertenti racconti. Tra gli aneddoti raccontati da Irons, la sua partecipazione al film di David Lynch, Inland Empire, uno dei film più criptici del regista americano. Irons, che nel film interpreta il regista Kingsley, ha raccontato infatti che anche dopo aver accettato il ruolo ed essere arrivato sul set, non riusciva a comprendere esattamente cosa dovesse fare, motivo per cui chiese alla protagonista Laura Dern se sapesse di cosa parlasse il film, domanda a cui lei rispose “Non ne ho idea”.

L’attore premio Oscar ha poi raccontato come si è approccia ai diversi ruoli che interpreta, affermando che è diventato un attore perché in realtà da giovane amava riparare oggetti, hobby che si è poi ingrandito in rinnovare case. Come ha dichiarato:”Il mio approccio alla recitazione è lo stesso di quando riparavo le sedie, se capisco che posso apportare qualcosa a un ruolo, posso rinnovarlo, migliorarlo, allora mi sento attratto da esso, altrimenti no”. Proprio questa attitudine è quella che l’ha spinto a rifiutare il ruolo propostogli da Clint Eastwood nel film Unforgiven, un ruolo che non sentiva suo.

 

La conversazione si è poi spostata sull’amore per l’Italia, luogo di cui Irons conserva molti ricordi piacevoli, legati soprattutto alle esperienze fatte sul set di Io Ballo da Sola di Bernardo Bertolucci e Callas Forever di Franco Zeffirelli. In particolare Irons afferma di avere apprezzato come sui set italiani, a differenza di quelli stranieri, ci sia sempre un momento dedicato a una lunga pausa pranzo che comprende cibo squisito.

L’incontro è poi terminato con le domande di alcuni membri del pubblico, che oltre a varie curiosità hanno chiesto se Irons avesse dei consigli per i giovani attori, al cui quesito  l’attore inglese ha riposto “Se siete bravi a fare altro, fate altro! In questo ambiente ce la fa davvero uno su mille e io sono stato estremamente fortunato. La qualità delle offerte inoltre è sempre più bassa ed è sempre più difficile entrare in questo mondo. Se invece non sapete fare altro, continuate su questa strada, ma sappiate che dovrete fate pratica ogni giorno”.

Ultime notizie