venerdì, 1 Luglio 2022

Venezia, bilanci societari taroccati e fatture per operazioni mai fatte: 3 arresti sequestrati beni per 7 milioni di euro

Dalle indagini sono emersi gravi elementi circa beni aziendali, false informazioni nei bilanci societari e nell’emissione/utilizzo di fatture per operazioni mai effettuate. Le Fiamme Gialle hanno così eseguito un provvedimento finalizzato al sequestro preventivo di beni mobili e immobili, oltre disponibilità finanziare per 7 milioni di euro nei confronti di 2 ditte e 8 soggetti implicate nel fallimento di un'azienda.

Da non perdere

Le Fiamme Gialle di Venezia hanno eseguito un provvedimento finalizzato al sequestro preventivo di beni mobili e immobili, oltre disponibilità finanziare per 7 milioni di euro nei confronti di 2 ditte e 8 soggetti implicati nel fallimento di un’azienda, già proprietaria di un noto centro commerciale sito nella provincia di Venezia. Le indagini, condotte dai militari, hanno permesso di disvelare plurimi e circostanziati elementi indiziari  nei confronti degli amministratori della stessa impresa, in materia di violazioni penali di carattere societario e tributario.

Le indagini delle Fiamme Gialle di Venezia

Dalle indagini sono emersi gravi elementi circa beni aziendali, false informazioni nei bilanci societari e nell’emissione/utilizzo di fatture per operazioni mai effettuate. Elementi, questi, che hanno portato la Procura della Repubblica ad avanzare all’Ufficio G.I.P. del Tribunale di Venezia la richiesta relativa all’applicazione di misure cautelari sia personale che reali, che, tuttavia, sono state rigettate.

Per via del suddetto rigetto, la Procura della Repubblica di Venezia ha proposto un’istanza di riesame al Tribunale di Venezia che ha provveduto al sequestro preventivo sia per equivalente che diretto, per circa 7 milioni di euro, oltre agli arresti domiciliari per 3 soggetti coinvolti. Quest’ultima misura cautelare di natura personale non è ancora esecutiva. Attesa, dunque, la possibilità per gli indagati di richiedere ricorso alla Corte di Cassazione.

Ultime notizie