sabato, 2 Luglio 2022

Tennis, Wimbledon è alle porte: dal 27 giugno lo Slam più prestigioso del mondo sull’erba di Londra

Wimbledon è ormai alle porte. L'edizione 2022 che passerà come una delle più criticate degli ultimi anni comincerà lunedì 27 giugno e avrà due settimane piene. Le novità è che si gioca tutti i giorni: la domenica per la prima volta non sarà di riposo. Fra i favoriti sicuramente, incrociando le dita, il nostro Matteo Berrettini, finalista nel 2021 contro Djokovic.

Da non perdere

Oramai ci siamo, l’edizione di Wimbledon 2022 è alle porte. Il terzo Slam dell’anno andrà in scena da lunedì 27 giugno e fino al 10 Luglio: due settimane piene di tennis, in quella che si preannuncia una delle edizioni più criticate degli ultimi anni. Come ormai è risaputo sui prati del All England Club di Londra non potranno scendere in campo atleti di nazionalità russa e bielorussa. Il caso della tennista Natela Dzalamidze che ha cambiato nazionalità (ha preso il passaporto georgiano) per partecipare nel doppio, rimane un caso sporadico, più unico che raro, e il torneo quest’anno dovrà rinunciare a diversi tennisti: dal n.1 del mondo Daniil Medvedev, al top ten moscovita Andrej Rublev, fino al bielorusso Ivaskha.

Critiche a parte, concentriamoci sullo sport e sul più atteso Slam del 2022 che, seppur quest’anno non dia punti, a causa del provvedimento ATP in risposta al divieto di cui abbiamo appena parlato, non smette di affascinare i tanti giocatori che non vedono l’ora di calcare i famosi campi londinesi. Ripartendo dalla finale giocatasi un anno fa non può non venirci in mente la grande impresa compiuta dal nostro n.1 d’Italia, Matteo Berrettini che conquistò la finale riuscendo a dare filo da torcere al poi vincitore, l’allora n.1 del mondo, Novak Djokovic che fu costretto a concedere il primo set a Matteo per poi chiudere e vincere il suo sesto Wimbledon con il risultato di 6-7, 6-4, 6-4, 6-3. Poco male per Berrettini che, comunque sia, ha riscritto la storia del tennis italiano in quanto unico tennista azzurro ad avere raggiunto mai raggiunto una finale sull’erba del All England Club.

LE NOVITÀ

Quest’anno Wimbledon aggiunge alcune novità: per la prima volta nella storia si giocherà ogni giorno, infatti non ci sarà il riposo domenicale famoso come il Middle Sunday. Salta anche il tradizionale Manic Monday, cioè il lunedì della secondo settimana, famoso per gli ottavi di finale che quest’anno invece si giocheranno in due giorni diversi. Al lunedì verrà aggiunto anche il martedì. Per quello che riguarda gli orari su tutti i campi, i match inizieranno alle ore 12 italiane (le 11 nell’orario londinese), mentre gli incontri sul centrale si comincerà a giocare alle 14.30.

ALCUNI CENNI STORICI

Wimbledon è il più antico evento tennistico, fondato nel tardo 1877, quando il club sportivo inglese, all’epoca chiamato l’All England Lawn croquet Club si interessò alla nuova disciplina, appunto al tennis, cambiando di fatto il nome in All England Lawn Tennis and Croquet Club e istituendo così il primo torneo che ebbe grande successo con 22 partecipanti. Per la cronaca, il primo vincitore è stato un britannico, già giocatore di Cricket, Spencer Gore. Ritornando ai giorni nostri, il torneo di Londra ha visto a sua volta calcare i suoi campi verdi tennisti come Borg, vincitore di 5 edizioni consecutive dal 1976 fino al 1980, passando per McEnroe, famoso per la rivalità proprio con Borg e per la sua esuberanza dentro il campo, vincitore di 3 edizioni del torneo. Non possiamo dimenticare Pete Sampras che a negli anni ’90 e a inizio del nuovo secolo ha portato a casa il trofeo per ben 7 volte, come William Renshaw. Riguardo invece ai giocatori in attività al secondo posto si posiziona Novak Djokovic, a quota 6, mentre il King of Wimbledon è sempre Roger Federer che si è imposto per 8 volte, la prima nel 2003. Dopo tanti anni, in questa edizione il campione di Basilea non parteciperà.

MONTEPREMI

Rispetto ad un anno fa è aumentato ancora, per la felicità dei giocatori: il prize money ha un incremento del 15% e in totale salirà a 40.350.000 di sterline. Chi vincerà il torneo avrà un premio di 2 milioni, chi arriverò secondo poco più della metà. Anche per chi dovesse passare solo il primo turno, non sono da buttare le 50mila sterline di premio.

GLI ITALIANI

Fra gli italiani, per quanto riguarda il maschile, in campo Jannik Sinner, Lorenzo Sonego, Fabio Fognini, Lorenzo Musetti ma il più atteso sarà sicuramente il finalista uscente Matteo Berrettini. Il tennista romano, ormai specialista sulle superfici in erba, è tornato alla grande dall’infortunio alla mano vincendo due tornei consecutivi: il 250 di Stoccarda e l’Atp 500 del Queen’s in cui è riuscito nell’impresa del back to back cioè di portare a casa il titolo per due anni di fila. E chissà che Matteo non possa superare un turno in più.
Per quanto concerne le ragazze nel tabellone avremmo Camila Giorgi, Martina Trevisan, Lucia Bronzetti, Jasmine Paolini ed Elisabetta Cocciaretto.

TESTE DI SERIE

Le due teste di serie n.1 del torneo saranno rispettivamente Novak Djokovic, vincitore uscente fra gli uomini; e Iga Swiatek fra le donne. Gli azzurri teste di serie saranno cinque: Berrettini n.8, Sinner n.10, Sonego n.28, Giorgi n.21 e Trevisan n.22.
Non resta che mandare un grosso in bocca al lupo a tutti i tennisti azzurri, sperando di fare bella figura; e i presupposti non mancano.

Gli incontri si potranno seguire in esclusiva su Sky sport e su Sky go, per chi vuole vederli anche sui dispositivi mobili. Il tutto in alta definizione.

Ultime notizie