domenica, 3 Luglio 2022

Guerra in Ucraina, Metzola: “Oggi giornata storica: daremo a Kiev lo status di candidato all’ingresso nell’UE”

Borrell: "A Kaliningrad non c'è alcun blocco, ma intendiamo prevenire la circonvenzione delle sanzioni". Stato Maggiore ucraino: "A Severodonetsk situazione difficile ma stabile". Metzola: "Solleverò anche un'altra questione: quella dell'aumento dei costi della vita per i cittadini europei a causa della guerra".

Da non perdere

“Oggi è una giornata storica: daremo lo status di Paese candidato all’ingresso nell’Unione Europea all’Ucraina”. Ad affermarlo è stata la presidente del Parlamento Europeo, Roberta Metsola, che ha aggiunto: “Questo traguardo lo aspettavamo da tempo. Il Parlamento Europeo lo ha richiesto sin dall’inizio di questo brutale conflitto. Ma oggi solleverò anche un’altra questione: quella dell’aumento dei costi della vita per i cittadini europei a causa della guerra. I prossimi mesi saranno particolarmente difficili dal punto di vista della sicurezza energetica”.

Borrell: “A Kaliningrad non c’è alcun blocco, ma intendiamo prevenire la circonvenzione delle sanzioni”

“A Kaliningrad non c’è alcun blocco. La Lituania sta implementando le sanzioni. Ma vogliamo, allo stesso tempo, che i controlli prevengano ogni tentativo di eludere le sanzioni senza impedire il traffico commerciale”. Ha parlato così l’Alto Rappresentante dell’UE per la politica estera, Josep Borrell, a proposito della città russa sul Mar Baltico. “Il servizio esterno della Commissione provvederà ad una revisione delle linee guida”, ha annunciato. “Non vogliamo un blocco del traffico commerciale. Ma intendiamo prevenire la circonvenzione delle sanzioni. Entrambe le cose devono essere possibili. Ci stiamo lavorando”.

Stato Maggiore ucraino: “A Severodonetsk situazione difficile ma stabile”

“La situazione nella città di severodonetsk è difficile, ma stabile”. Ad affermarlo è Oleksii Hromov, vice responsabile delle operazioni principali dello Stato Maggiore delle Forze Armate ucraine. “Siamo attualmente in combattimento con i russi”, ha riferito alla CNN. “I nostri soldati hanno abbastanza armi a disposizione, e sono sostenuti da numerose unità di artiglieria. Sfortunatamente, però, il nemico è in vantaggio”, spiega. “La Russia dispone di sistemi di artiglieria e munizioni a sufficienza per combattere, e riesce a colpire massicciamente. Ma i nostri uomini si muovono con destrezza tra le posizioni fortificate”, conclude Hromov.

Ultime notizie