mercoledì, 29 Giugno 2022

Edward Norton apre l’Allora Fest. Sul caso Haggis: “Rilanciamo promuovendo uguaglianza e libertà”

È stata inaugurata oggi la prima giornata di Allora Fest che ha visto protagonisti Edward Norton, Marisa Tomei, Alfre Woodward e Sinéad Cusack.

Da non perdere

Dopo una premessa tumultuosa causata dall’arresto del regista premio Oscar Paul Haggis, accusato di violenza sessuale ai danni di una donna inglese, si è inaugurata oggi a Ostuni la prima edizione dell’Allora Fest, Festival internazionale di cinema, arte e musica.

Durante la conferenza stampa, il co-fondatore del Festival, Giovanni De Blasio ha dichiarato che l’organizzazione è al corrente “che la faccenda è delicata, ma il Festival va avanti perché è fatto da persone che lavorano incessantemente da un anno”. A supporto dell’Allora Fest, tutti gli ospiti attesi, tra i quali Matt Dillon, Jeremy Irons, Joely Richardson Oliver Stone, hanno infatti confermato la loro presenza, poiché, come riferisce De Blasio “i valori che proponiamo attraverso questo festival sono di uguaglianza e libertà. Per cui noi oggi siamo qui per parlare di bellezza cultura e arte mantenendo un profilo rispettoso nei confronti di una vicenda personale che nulla ha a che vedere con il Festival”.

A seguito delle dichiarazioni, il primo giorno del Festival è poi entrato nel vivo con un walk and talk che ha visto l’attrice americana Marisa Tomei passeggiare per le strade di Ostuni insieme alla Direttrice Artistica del Festival Sol Costales Doulton e agli studenti della Roma Film Academy. 

Il pomeriggio è invece stato dedicato alle masterclass, inaugurate da Edward Norton, che ha riproposto la visione del film da lui diretto e interpretato Motherless Brooklyn – I segreti di una città. Durante la conversazione con la produttrice cinematografica Silvia Bizio, l’attore americano ha affermato che il cinema italiano ha avuto grande importanza durante la sua formazione, citando Fellini, Tornatore, Troisi. Norton ha inoltre espresso la sua grande stima per Paolo Sorrentino e il suo È stata la mano di Dio, secondo l’attore tra i migliori film del 2021. Il dibattito è poi continuato affrontando vari temi, come la difficoltà che comporta produrre un film, l’importanza della colonna sonora e le possibilità che oggi il cinema offre ai giovani.

Pochi minuti dopo il termine dell’incontro, si è svolta la masterclass successiva che ha visto invece Alfre Woodward e Sinéad Cusack condividere il palco. Il Festival proseguirà nella giornata di domani con Matt Dillon, per poi terminare domenica 26 giugno.

Ultime notizie