sabato, 2 Luglio 2022

Tennis, Matteo Berrettini nella storia: batte Krajinovic e si conferma King of the Queen’s

Matteo Berrettini vince per la seconda volta di fila l'Atp500 del Queen's superando in due set 7-5, 6-4 il serbo Filip Krajinovic. Il romano entra sempre di più nella storia del tennis italiano e nell'elite del torneo londinese.

Da non perdere

Non delude Matteo Berrettini nel giorno della finale sull’erba del Queen’s, torneo del quale il tennista azzurro è campione uscente. E la possibilità del back to back diventa realtà: riprendersi il trono del torneo londinese per la seconda volta di fila, cosa che in passato hanno fatto solo pochi campioni. A contendergli lo scettro il tennista serbo Filip Krajinovic n.48 del mondo, ma già virtualmente 31 al termine di questo torneo. Krajinovic che ha avuto la meglio in seminfinale contro Martin Cilic. Fra i due giocatori solo due precedenti con Matteo vittorioso in entrambi, nel 2019 all’atp 250 di Budapest, e nel 2021 sulla terra di Belgrado.

1° SET

Inizia la finale con il tennista serbo al servizio, Berrettini si procura subito tre palle break sullo 0-40 ma Krajinovic riesce a recuperare e a salire in apertura di match sull’1-0. L’azzurro pareggia senza difficoltà nel suo turno di servizio grazie ad una bella stop-volley. Nel 3° game, dopo un bellissimo passante in corsa, Matteo si procura un’altra chance per strappare il servizio all’avversario ma, come a inizio partita, non riesce a sfruttarla e Krajinovic grazie a due battute vincenti, tra cui un ace, recupera andando al cambio campo avanti per 2-1. Berrettini però rimane attaccato e con una bella uscita col dritto in lungolinea tiene senza problemi il proprio turno di servizio nonostante le poche prime messe in campo fino a questo momento. Cosa che invece non riesce a Krajinovic il quale ha dovuto sempre andare ai vantaggi nei propri turni concedendo l’ennesima palla break nel 5° game: stavolta Berrettini non se la fa scappare e con un bellissimo slice al volo si porta sul 3-2 e servizio in mano.

Per ora, nei sui turni di battuta il tennista romano ha concesso solo un quindici a Krajinovic. Ma, proprio in maniera inaspettata, arriva immediatamente il contro-break da parte del serbo che sfrutta qualche indecisione di Berrettini pareggiando il set e poi ritornando in vantaggio col punteggio di 4-3. Ora Matteo deve ricominciare daccapo per cercare di risalire la china in un primo parziale che sembrava avere in mano. Nel 9° game, dopo un punto contestato con il giudice di linea che chiama fuori la palla di Krajinovic, l’arbitro fa “overrule” in quanto la palla risulta buona e concede il punto al serbo che va sopra 30-15 per poi vincere il suo turno di servizio salendo 5-4. Matteo non si lascia distrarre né quantomeno intimorire e riporta il tutto in parità.

Krajinovic non parte male nell’11° gioco ma Berrettini fa ancora meglio e con un bel passante di rovescio si procura la sesta palla break a suo favore della partita. L’errore del serbo consegna il game a Matteo che sul 6-5 può servire per il set. Il tennista italiano non si lascia sfuggire l’occasione e, dopo un primo fallo iniziale, non lascia più punti al tennista serbo e si guadagna il primo parziale col risultato di 7-5.

Berrettini ha dovuto faticare più del solito per portare a casa il primo set: dopo il break ottenuto nel quinto game sembrava aver messo in discesa la partita ma Krajinovic non ha mollato e ha costretto il romano a ricominciare. Ma Matteo con solidità e sicurezza è riuscito sul cinque pari a rubare di nuovo il servizio al futuro n.31 del mondo vincendo un primo parziale meritato.

2° SET

I primi due game del secondo set scorrono via veloci; come all’inizio di partita parte a servire Krajinovic che con due ace si porta 1-0. Berrettini non è da meno e pareggia i conti lasciando zero punti al serbo che mette a segno, nel suo successivo turno di battuta, il punto più bello del match colpendo la palla al volo dopo un tuffo alla Panatta. Rimontando da 15-30 Krajinovic riesce ad andare al cambio campo in vantaggio 2-1 grazie a due ottime prime. Nel 5° game l’equilibrio si spezza: Matteo dopo aver tenuto il proprio turno di battuta ottiene il break a zero ai danni del tennista serbo, salendo di livello in maniera eclatante arrivando a condurre il secondo 2° set 3-2 e palla in mano.

La partita del tennista romano sembra spiccare definitivamente il volo: conferma il break e sale 4-2. Da ora in poi l’esito del match si gioca sui turni di servizio di Berrettini. Dopo un buon game da parte di Krajnovic, l’azzurro da 15-30 serve tre ace consecutivi diventando di fatto ingiocabile e portandosi sul 5-3: l’orizzonte per Matteo si fa sempre più vicino. Dopo l’ultimo sussulto di Krajinovic, l’azzurro sotto 15-30 non demorde e con un ace vince set e match per 7-5, 6-4.

Ora possiamo dirlo e gridarlo ad altra voce: Matteo Berrettini vince per la seconda volta consecutiva il torneo dei Queen’s, riuscendo nell’impresa del back to back. Ai nomi di Lendl, Becker, Connors, McEnroe, Murray, Roddick e Hewitt ora si aggiunge anche quello di Matteo che riesce a fare il bis al torneo londinese e a vincere il secondo torneo consecutivo dopo il lungo stop per l’infortunio alla mano. Non ci può essere ritorno migliore e ora si guarda avanti e si spera a Wimbledon di superare un turno in più rispetto allo scorso anno.

Grazie Matteo che ci fai gioire ancora una volta.

Ultime notizie