domenica, 3 Luglio 2022

Tennis, Atp 500 di Queen’s: Berrettini vince in due set contro Paul e approda in semifinale

Matteo Berrettini accede in semifinale al torneo 500 del Queen's dopo aver sconfitto in due set per 6-4, 6-2 l'americano Paul. Ora deve giocarsi un posto in finale con l'olandese Van de Zandshulp.

Da non perdere

All’Atp 500 del Queen’s, Matteo Berrettini ai quarti di finale del torneo londinese batte l’americano Paul e vola in semifinale. Inizio sottotono per l’azzurro che concede il break in apertura e manda lo statunitense avanti sul 3-0. Nel 4° game, l’italiano n.10 del mondo riesce a tenere il servizio ma Paul sembra non mollare e si va al cambio campo sul 4-1. Matteo comincia a giocare meglio col servizio mentre Paul commette vari errori in particolare col dritto. Arrivano così due break consecutivi in favore di Berrettini con l’americano che si eclissa. Il tennista romano sente “l’odore del sangue” e oltre che “erbivoro” diventa anche “carnivoro”, vincendo il primo set con il risultato di 6-4 grazie a cinque game di fila.

Nel secondo set Matteo parte sicuramente più rilassato e variando molto bene il gioco mette in difficoltà Paul che con il dritto non ne azzecca una. Sempre nel secondo parziale, a onor di cronaca, arriva il colpo più bello del Match: infatti nel 1° gioco poi vinto da Paul, Berrettini risponde all’attacco dell’avversario con uno straordinario passante in corsa lungo linea a una mano che incanta il pubblico inglese. Sull’1-1 nel secondo set, il tennista romano ottiene il break a zero dando di fatto la scossa definitiva alla partita: dopo aver annullato una palla break al quarto gioco, Matteo non concede più nulla e anzi si guadagna un altro break che lo porta a servire per il match. Nel suo decisivo turno di battuta l’azzurro non commette errori e chiude set e partita con il risultato di 6-4, 6-2. In semifinale ora se la vedrà con l’olandese n.29 del ranking, Botic Van de Zandshulp che nell’incontro precedente ha sconfitto lo spagnolo Davidovich Fokina 6-2, 6-4; stesso punteggio ma invertito della partita vinta da Matteo.
Così, per il secondo anno consecutivo il tennista romano raggiunge la semifinale del Queen’s dopo aver vinto lo scorso anno il torneo stesso battendo Cameron Norrie.

Momento estremamente positivo per Berrettini che arriva alla sua settima vittoria sull’erba di fila, considerando anche Stoccarda. Ora la possibilità di andare in finale e chi lo sa, incrociando le dita, magari di bissare anche il titolo in una sorta di back to back che nel torneo londinese è riuscito solo a campioni come Murray, Roddick, Hewitt; e andando più indietro con gli anni a Lendl, Becker, Connors e McEnroe. Sicuramente Matteo sarebbe in buona compagnia ma ora è giusto pensare passo dopo passo e alla semifinale contro Van de Zandshulp. Anche se per il Berrettini visto in questi giorni sull’erba, nulla è impossibile.

LE PAROLE POST MATCH

Alla fine dell’incontro il tennista romano si concede ai microfoni dicendo: “All’inizio non ero contento, non ho cominciato bene, anche per il caldo, ma sapevo di poter recuperare il break di svantaggio. Ho pian piano ritrovato il mio tennis. La mia forma? Merito di quei ragazzi laggiù ( facendo riferimento al suo staff), dottore, allenatore, fisioterapisti, famiglia. Mi hanno aiutato tanto durante lo stop e io desideravo tornare molto per la stagione sull’erba”. Alla domanda finale su cosa accadrà ora Matteo risponde in maniera decisa: “Prima di Wimbledon devo pensare a finire in bellezza questo torneo, innanzitutto voglio difendere il mio titolo”. E concludendo in maniera sibillina: “Mi riposerò per una settimana, ne ho bisogno, e speriamo di fare quello che ho già fatto l’anno scorso, magari anche qualcosa di meglio”. Il sogno continua.

Ultime notizie