venerdì, 1 Luglio 2022

Lavoro, operaio 35enne muore in una centrale elettrica nel Cosentino

Il giovane è caduto da un ponteggio per finire su un nastro trasportatore; non c'è stato nulla da fare per lui, è morto sul colpo. Il 35enne era un dipendente di una ditta appaltatrice esterna pugliese con un contratto a termine; sembrerebbe che quello fosse anche il suo ultimo giorno di lavoro.

Da non perdere

Si fa sempre più dolorosa la piaga delle morti sul lavoro. Un operaio di 35 anni, cittadino straniero, è morto nella Centrale del Mercure di Laino Borgo, in provincia di Cosenza. Pare che il giovane sia caduto da un ponteggio per finire su un nastro trasportatore; non c’è stato nulla da fare per lui, è morto sul colpo. La tragedia si è consumata mentre gli impianti erano fermi per opere di manutenzione della centrale elettrica, tuttavia, la dinamica dell’incidente è ancora tutta da accertare.

Il 35enne era dipendente di una ditta appaltatrice esterna pugliese con un contratto a termine; sembrerebbe che quello fosse anche il suo ultimo giorno di lavoro. Sul luogo dell’incidente sono intervenuti i Carabinieri della locale stazione e quelli della Compagnia di Castrovillari. Questi ultimi hanno avviato le indagini con il coordinamento della Procura di Castrovillari, che ha a sua volta posto il sequestro della salma. “La società Mercure Srl e tutto il personale sono profondamente colpiti ed esprimono il proprio dolore per l’accaduto”, si legge in una nota ufficiale di cordoglio dell’azienda.

Ultime notizie