lunedì, 4 Luglio 2022

Whitemary, il 10 giugno il suo album “Radio Whitemary”

Quattordici brani che suonano come un manifesto programmatico o come la colonna sonora di un rito di passaggio, se esistessero riti di passaggio in versione techno.

Da non perdere

Finalmente il 10 giugno esce l’album di Whitemary, si chiama “Radio Whitemary”. Quattordici canzoni che sono un vero e proprio concentrato di elettronicauno spaccato di quelli che sono i moltissimi talenti di Whitemary, al secolo Biancamaria Scoccia, aquilana trapiantata a Roma, diplomata in canto jazz e insegnante di music technology, partita da Chet Baker passando per la canzone italiana, per arrivare infine all’elettronica tra campionatori e sintetizzatori analogici.

È stato un percorso di avvicinamento lungo, fatto di anticipazioni, di sorprese, di mixati, di anteprime live. Ma ora ci siamo: venerdì 10 giugno esce Radio Whitemary, il primo album di Whitemary per 42 Records.

Radio Whitemary è un richiamo potente alla vita, un invito a ballare fino a perdere il fiato: canzoni che si innestano principalmente sulla cassa in quattro, con una trama musicale sempre trascinante, bassi che pulsano e saltellano come il cuore matto di Biancamaria, sintetizzatori analogici, testi brevi, diretti e incisivi come fossero dei mantra.

Un disco che è un gran casino di sentimenti, condivisi e condivisibili, come lo definisce lei stessa.  Un concentrato di elettronica, uno spaccato di quelli che sono i moltissimi talenti di Whitemary, al secolo Biancamaria Scoccia, aquilana trapiantata a Roma, diplomata in canto jazz e insegnante di music technology, partita da Chet Baker passando per la canzone italiana, per arrivare infine all’elettronica tra campionatori e sintetizzatori analogici.

Canzoni tutte scritte, prodotte, suonate e cantate da Whitemary che si innestano principalmente sulla cassa in quattro, con una trama musicale sempre trascinante, bassi che pulsano e saltellano come il cuore matto di Biancamaria, sintetizzatori analogici, testi brevi, diretti e incisivi come fossero dei mantra.

Una manifestazione sonora che ha già stregato il pubblico del Mi Ami Festival, quando Whitemary ha presentato in anteprima alcune delle canzoni di Radio Whitemary, e che ha ulteriormente aumentato l’attenzione nei confronti di uno degli album più attesi dell’anno.

Travolgente, adrenalinico, impossibile da ascoltare rimanendo fermi: Radio Whitemary è un richiamo potente alla vita, un invito a ballare fino a perdere il fiato. 46 minuti circa di pura, semplice, impetuosa energia. 

 

Radio Whitemary esce in tutti gli store digitali e in doppio vinile (più cd slim), disponibile sul sito di 42 Records. Oltre alla versione classica, in doppio vinile nero 180 grammi più cd slim, è presente anche la versione limitata e numerata con doppio vinile colorato 180 grammi (il primo vinile è bianco, il secondo rosso) più cd slim.

Ultime notizie