lunedì, 4 Luglio 2022

Guerra in Ucraina, bombe su Donetsk: 4 morti e 11 feriti. Zelensky: “A Severodonetsk si decide destino del Donbass”

Durante la notte Mosca ha bombardato per due volte l'impianto chimico Azov a Severodonetsk, dove si erano rifugiati circa 800 civili. Quattro civili sono rimasti uccisi nelle ultime 24 ore sotto i bombardamenti russi a Donetsk.

Da non perdere

Durante la notte Mosca ha bombardato per due volte l’impianto chimico Azov a Severodonetsk, dove si erano rifugiati circa 800 civili, di cui 600 residenti e 200 dipendenti. Almeno due officine sarebbero state colpite, tra cui una per la produzione di ammoniaca. A riferirlo è Sergej Gaidai, capo dell’amministrazione militare regionale. Dentro la fabbrica ci sarebbero anche alcune unità militari ucraine che, secondo i combattenti filorussi, sarebbero arretrate in seguito al loro assalto.

Zelensky: “La battaglia di Severodonetsk decide il destino del Donbass”

“Il confronto con i russi a Severodonetsk decide il destino del Donbass. La battaglia di Severodonetsk è una delle più difficili dall’inizio dell’invasione. Severodonetsk rimane l’epicentro dello scontro. Stiamo difendendo le nostre posizioni, infliggendo perdite significative al nemico”. Queste le parole del presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, all’alba del 106esimo giorno consecutivo di guerra.

Donetsk, 4 morti e 11 feriti nei bombardamenti delle ultime 24 ore

Quattro civili, intanto, sono rimasti uccisi nelle ultime 24 ore sotto i bombardamenti russi a Donetsk. Sarebbero 11, invece, i feriti. A riferirlo è il capo dell’amministrazione regionale militare, Pavlo Kyrylenko, citato da Ukrinform. D’altro canto, secondo il Kyiv Independent sarebbero oltre 1.100 gli attacchi aerei sferrati contro l’esercito russo dall’aviazione ucraina dall’inizio del conflitto. Tra gli obiettivi colpiti ci sarebbero l’equipaggiamento russo, le truppe e i centri logistici.

Ultime notizie