lunedì, 4 Luglio 2022

Guerra in Ucraina, hackerata radio russa: trasmesso inno di Kiev e canzoni per la pace. Brucia impianto militare vicino Mosca

Sono state evacuate circa 40 persone nel Lugansk, di cui 34 da Lysychansk e 6 da Vrubivka. Brucia una fabbrica di equipaggiamento ottico militare a Sergiev Posad, a 70 km da Mosca. Un attacco hacker ha colpito la radio russa "Kommersant FM"; in onda è risuonato l'inno ucraino, seguito da canzoni contro la guerra.

Da non perdere

Nella regione di Lugansk sono in corso manovre di evacuazione dei civili, circa 40 persone di cui 34 da Lysychansk e 6 da Vrubivka sono state allontanate dall’area. La notizia è stata riferita dal governatore regionale Serhiy Haidai su Telegram che ha spiegato quanto sia “purtroppo impossibile evacuare gente dai dintorni di Severodonetsk; erano in pochi a voler andarsene, ora il numero di persone aumenta ogni giorno”.

Incendio in un impianto alle porte di Mosca

In fiamme una fabbrica nella cittadina di Sergiev Posad, a circa 70 km a nord di Mosca. La notizia è stata diffusa dai media della Federazione russa. Stando alle dichiarazioni di alcuni residenti pare si tratti dell’impianto della Zagorsk Optical-Mechanical Plant (Zomz), azienda impegnata nella produzione di equipaggiamento ottico militare, come i visori notturni a infrarossi, lenti per binocoli e razzi. Sembra stiano bruciando 700 mq; sul posto vi sono decine di Vigili del Fuoco che si stanno occupando di spegnere l’incendio.

Zelensky: “Russi perdono 300 uomini al giorno per una guerra insensata”

Il presidente Volodymir Zelensky torna a ribadire che i russi starebbero subendo perdite impensabili; al momento sono più di 31mila i soldati di Putin morti dall’inizio del conflitto. Mosca piange “300 morti al giorno per una guerra insensata“; così si è espresso in un video il leader ucraino prevedendo tragici bilanci di “un livello inaccettabile anche per i russi“. Zelensky ha spiegato che le intercettazioni delle comunicazioni tra i soldati nemici mettono in luce l’ormai “basso morale” degli occupanti.

Radio russa hackerata, in onda inno ucraino e canzoni contro la guerra

Un attacco hacker ha colpito la radio russa “Kommersant FM”; in onda è risuonato improvvisamente l’inno ucraino, seguito da alcune canzoni contro la guerra. La notizia è stata riportata da Novaya Gazeta Europa e dal Moscow Times. I media russi hanno spiegato che l’emittente ha velocemente interrotto le trasmissioni, confermando in una nota ufficiale di aver subito un attacco hacker e che i programmi sarebbero stati presto ripristinati.

Scholz: “No tank a Kiev. Seguiamo ciò che fanno partner”

“La situazione è molto drammatica, l’Ucraina ha bisogno di sostegno, ma poiché è importante che non si arrivi a uno scontro diretto fra la Nato e con la Russia noi vediamo sempre cosa fanno i nostri partner, Francia, Gran Bretagna, e Usa, e facciamo la stessa cosa”. Ci va ancora con i piedi di piombo il cancelliere Olaf Scholz, spiegando ai giornalisti stranieri in conferenza stampa perché Berlino si ostini a negare la consegna diretta a Kiev dei tank Marder, tipici cacciacarri corazzati di produzione tedesca.

Ultime notizie