mercoledì, 29 Giugno 2022

EFORT Intelligent Equipment punta all’italiana Robox, stop di Draghi: bloccata acquisizione dei cinesi

Mario Draghi ha esercitato il veto su un accordo di acquisizione da parte di un gruppo cinese nei confronti di Robox, azienda italiana leader nel settore robotica.

Da non perdere

Mario Draghi dice di no alla Cina. Il premier ha utilizzato il golden power per bloccare la cessione della azienda italiana Robox alla cinese EFORT Intelligent Equipment. Ma il governo italiano ha in mente di fermare qualsiasi acquisizione con gli occhi a mandorla in Italia nel campo della robotica. Da gennaio 2022, la regola della golden power è stata applicata già 5 volte. Il primo caso è stato quello di Alpi Aviation, società friulana che produce droni militari.

Il caso Robox

Robox è una società sita in provincia di Novara e si occupa di progettazione e produzione di apparecchiature elettroniche, linguaggi di programmazione, ambienti di sviluppo della robotica. Una vera eccellenza tecnologica italiana, che rischiava di passare nelle mani di Efort Intelligent Equipment, gruppo cinese con forti legami con il governo di Pechino. In realtà Efort detiene già una grossa fetta di di Robox, il 40%, ma la preoccupazione è salita quando il gruppo cinese è salito al 49% e ha previsto un investimento da un milione di euro per accedere ai codici sorgente e ad alcuni file di Robox.

Ultime notizie