lunedì, 4 Luglio 2022

In albergo un euro a notte, sotto gli occhi delle telecamere: la Questura vuole vederci chiaro

L'albergo permetteva di pernottare pagando un solo euro, ma essendo ripresi 24 ore su 24. La Questura ha voluto vederci chiaro. Per ora la struttura è stata chiusa.

Da non perdere

Un euro a notte, in cambio di una spiata 24 ore al giorno. Questa la ricetta dello Stupido hotel di Bellaria, per lanciare un nuovo spettacolo. Avete capito bene: telecamere nelle stanze e sul terrazzo, per avviare una sorta di Grande Fratello del pernottamento. L’idea di Fabio “Siva” Pegna, però, è passata sotto lo sguardo – è il caso di dirlo – della Polizia di Rimini. Tanto che il gestore fa sapere che lo Stupido hotel di Bellaria rimarrà “chiuso almeno fino a giovedì”. E poi spiega: “La Polizia questa mattina ha fatto un controllo, ha chiesto documentazione e identificato alcuni clienti-concorrenti. Devo sospendere il reality”.

Il “reality”, dicevamo, consiste nell’alloggiare al costo di un euro, ma essendo ripresi durante tutta la giornata. Consiste, o consisteva? Al momento, al 6 giugno, la divisione amministrativa della Questura di Rimini ha eseguito un controllo delle telecamere sul terrazzo e nelle camere dell’albergo, oltre a verificare la documentazione sull’uso delle stesse, per riscontrare eventuali irregolarità. C’è tempo per arrivare al fine-settimana: venerdì 10 giugno si potrà rientrare nella casa-albergo? Non resta che stare a guardare.

Ultime notizie