sabato, 2 Luglio 2022

Crediti d’imposta fittizi per compensare debiti fiscali: 29 denunciati sequestrati beni per 6 milioni di euro

Complesso meccanismo illecito, perpetrato da una consulente tributaria, una sorta di "pacchetto chiavi in mano" che avrebbe consentito alle aziende di annullare le proprie pendenze con il Fisco.

Da non perdere

Scoperta indebita compensazione di debiti fiscali e contributivi con crediti d’imposta fittizi. A Roma, le Fiamme Gialle hanno sequestrato disponibilità finanziarie, quote societarie e automezzi per un valore complessivo di 6 milioni di euro. Nel mirino dei Finanzieri almeno 29 persone accusate, a vario titolo, per l’ipotesi di “reato di indebita compensazione di debiti fiscali e contributivi con crediti d’imposta inesistenti”. Durante le indagini, i Militari hanno disvelato un complesso meccanismo illecito, perpetrato da una consulente tributaria, una sorta di “pacchetto chiavi in mano” che avrebbe consentito alle aziende partecipi di annullare le proprie pendenze con il Fisco.

A quanto pare altri 130 contribuenti si sarebbero avvalsi del “pacchetto” offerto dalla donna, al fine di compensare crediti del tutto inesistenti per somme nettamente più basse rispetto alle soglie di rilevanza penale. Tramite questa attività illecita, i contributi non versati nelle casse dello Stato ammonterebbero all’incirca a 9,3 milioni di euro.

Ultime notizie