sabato, 2 Luglio 2022

Vibo Valentia, nuovi sbarchi sulle coste calabresi: fermati 2 presunti trafficanti

Si sono concluse, domenica 29 maggio, due operazioni di contrasto all'immigrazione clandestina sulle coste calabresi. I due presunti trafficanti sono stati fermati.

Da non perdere

Ieri, domenica 29 maggio, sono terminate due complesse operazioni di Polizia finalizzate a contrastare l’intenso traffico di migranti che interessa le coste calabresi. Le operazioni hanno preso avvio quando un velivolo della Guardia di Finanza in perlustrazione avanzata sul Mediterraneo ha segnalato in rotta di avvicinamento all’Italia di un motopeschereccio stipato di migranti e di una barca a vela rispettivamente dirette verso lo stretto di Messina e il golfo di Squillace.

Lo svolgimento delle operazioni

Nel corso della notte, la prima imbarcazione è stata acquisita e tenuta sotto controllo da un pattugliatore del Gruppo Aeronavale delle Fiamme Gialle di Messina che ne ha monitorato i movimenti sino al suo ingresso nelle acque territoriali italiane. La barca, diretta a sud est di Reggio Calabria è stata fermata ed è stato attestato che trasportava 280 migranti di provenienza egiziana, bengalese e siriana.

Per quanto riguarda la barca a vela, una volta entrata nella foce del fiume Neto, si è incagliata sul fondale poco profondo. I militari, a quel punto, sono intervenuti immediatamente, salendo a bordo del natante per impedire la fuga dei responsabili e prendere il controllo della situazione. In questo caso, sono 78 i migranti sbarcati prevalentemente di nazionalità afgana e iraniana. I finanzieri hanno identificato i due sospetti di nazionalità kirghisa e kazaka probabili conduttori della traversata, fermandoli quali indiziati di delitto e mettendoli a disposizione dell’autorità giudiziaria crotonese.

Ultime notizie