sabato, 2 Luglio 2022

Guerra in Ucraina, sparò alla testa ad un civile: tribunale di Kiev condanna il soldato russo all’ergastolo

La sentenza ha un significato simbolico e storico per l'Ucraina. Kiev ha accusato la Russia di atrocità e brutalità contro i civili durante la guerra.

Da non perdere

La corte ha stabilito che Shishimarin è colpevole e lo condanna all’ergastolo“. Queste le parole lapidarie udite oggi, 23 maggio, in un tribunale distrettuale di Kiev. Un soldato russo di 21 anni stato condannato, nel primo processo per crimini di guerra tenutosi dopo l’invasione della Russia. Vadim Shishimarin è stato accusato di aver sparato alla testa del 62enne Oleksandr Shelipov, un civile ucraino. Il crimine è stato commesso in un villaggio nella regione nord-orientale di Sumy nei primi giorni della guerra.

La condanna

Ad emettere la sentenza, è stato il giudice Sergiy Agafonov, nella capitale del paese devastato dalla guerra. “L’omicidio è stato commesso con intento diretto“. Il soldato russo, che si è dichiarato colpevole, ha fatto sapere alla corte la scorsa settimana di aver sparato a Shelipov sotto la pressione di un altro soldato mentre cercavano di ritirarsi e fuggire in Russia. L’omicidio è avvenuto il 28 febbraio, il quarto giorno dell’invasione di Mosca.

Le parole di Shishimarin

Il soldato condannato, nelle sue osservazioni conclusive, si è scusato e ha chiesto perdono alla vedova di Shelipov. “Me ne pento. Me ne rammarico molto. Sono pronto ad accettare qualsiasi misura imposta“, ha detto. Shishimarin, inoltre, ha parlato di un ufficiale insistente sul fatto che l’uomo ucraino, parlando al cellulare, potesse individuare la loro posizione per le forze ucraine. Il militare, che indossava una felpa con cappuccio blu e grigio, ha guardato il procedimento in silenzio da una scatola di vetro rinforzata in aula e non ha mostrato alcuna emozione mentre il verdetto veniva letto in ucraino.

L’avvocato di Shishimarin, Viktor Ovsyannikov, ha comunicato che farà appello al verdetto e ha 30 giorni per farlo. “Questa è la sentenza più severa e qualsiasi persona equilibrata la contesterebbe“, ha detto il legale. Alla fine, ha aggiunto: “Chiederò l’annullamento del verdetto della corte”. Ha detto che “puoi sentire la pressione sociale” sulla decisione della corte.

La posizione della Russia

Il Cremlino ha fatto sapere, prima della sentenza, che mentre era “preoccupato” per il destino di Shishimarin, non era in grado di fornire assistenza sul campo perché non c’è una presenza diplomatica russa in Ucraina. “Ciò non significa che non proveremo attraverso altri canali. Il destino di ogni cittadino russo è di fondamentale importanza per noi“, ha detto ai giornalisti il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov.

La sentenza ha un significato simbolico per l’Ucraina, che ha accusato la Russia di atrocità e brutalità contro i civili durante la guerra e ha affermato di aver identificato più di 10mila possibili crimini di guerra. Mosca ha negato di aver preso di mira i civili o di essere coinvolta in crimini di guerra.

Ultime notizie