venerdì, 1 Luglio 2022

Tiziana Cantone non riposa in pace: società gestita da una donna ripubblica il suo video

Il diritto all'oblio tanto invocato dalla mamma di Tiziana viene nuovamente violato, il video della figlia, poi deceduta e su cui pende una inchiesta per omicidio volontario, è riapparso online

Da non perdere

Il video privato di Tiziana Cantone, la 31enne di Mugnano di Napoli trovata impiccata nel 2016 dopo che alcuni suoi video intimi erano finiti online, è tornato a circolare sul web. A riportare la notizia è Il Fatto Quotidiano. Sulla morte della Cantone, inizialmente classificata come suicidio, è aperta un’indagine per omicidio volontario presso la Procura di Napoli Nord.

Dopo l’azione dell’autorità giudiziaria, che ha disposto la completa rimozione del video dal web, sarebbe stato utilizzato un espediente che deve aver aggirato in maniera efficace i controlli della piattaforma. La didascalia con il quale si accompagna il video è in inglese spiega che le immagini trapelate in rete, fino a questo momento, erano state rimosse. Ma che, adesso, sono state riproposte agli utenti. Si spiega che la persona nel video è morta e che si è suicidata proprio dopo che il video era stato diffuso su internet. Nonostante questo, la didascalia invita letteralmente a “godersi il video”.

I tecnici della società americana alla quale si è rivolta la madre di Tiziana hanno avviato le ricerche e rintracciato il sito statunitense dove era stato caricato, scoprendo che a pubblicarlo sarebbe stata una società tedesca gestita da una donna. È così partita la richiesta di rimozione per garantire a Tiziana quel diritto all’oblio più volte invocato dalla madre.

La pratica del Revenge Porn come ricatto a chi credendo di essere in intimità si è lasciato riprendere in un video o in delle foto è ancora molto utilizzata nonostante sia punita dalla legge in quanto reato introdotto in Italia dopo la legge Codice Rosso. Molte le notizie di vittime di Revenge Porn, ultima ma solo in ordine temporale quella di una giovane minacciata da due fratelli costringendola ad avere rapporti con entrambi che venivano poi filmati.

Ultime notizie