venerdì, 1 Luglio 2022

Massa Carrara, reddito di cittadinanza: 29 persone lo percepivano irregolarmente

Percepivano illecitamente il Reddito di Cittadinanza. A Massa Carrara, la Guardia di Finanza ha individuato 29 soggetti rei di aver eluso le prescrizioni della norma per la ricezione del beneficio.

Da non perdere

A seguito di segnalazioni pervenute dagli organi centrali, la Guardia di Finanza della provincia di Massa Carrara ha effettuato numerosi controlli in materia di Reddito di Cittadinanza al fine di garantirne la corretta erogazione. Nell’ambito dei controlli, i finanzieri hanno individuato 29 individui – di cui 8 di origine straniera – che, pur non avendone diritto, percepivano indebitamente il reddito di cittadinanza facendo figurare una situazione reddituale di bisogno.

Le indagini e i metodi per eludere le prescrizioni della norma

Le Fiamme Gialle hanno accertato un’indebita percezione del contributo per circa 300 mila euro. Diversi sono stati i metodi adottati per eludere le prescrizioni della norma. In 16 casi è stata omessa l’indicazione di alcuni redditi percepiti che, se considerati, avrebbero comportato il superamento delle soglie massime consentite per l’accesso al beneficio. Inoltre, uno di questi ha dichiarato di non aver percepito redditi. In realtà era titolare di una ditta individuale che ometteva sistematicamente di presentare la dichiarazione dei redditi. Una verifica fiscale della sua posizione ha così dimostrato che aveva nascosto al fisco redditi imponibili oltre 200 mila euro. Altri due richiedenti stranieri hanno, invece, indicato nell’apposita autocertificazione di risiedere in Italia da almeno 10 anni, requisito minimo necessario per ottenere il contributo. Gli accertamenti hanno dimostrato una loro permanenza nel territorio nazionale per un periodo inferiore.

I soggetti sono stati segnalati alla Procura della Repubblica di Massa per valutare la sussistenza dei presupposti per l’esercizio dell’azione penale. All’INPS spetta l’immediata sospensione dell’erogazione del contributo e il recupero degli importi indebitamente percepiti.

Ultime notizie