mercoledì, 25 Maggio 2022

Varese, agli arresti domiciliari con la moglie: esasperato chiede di andare in carcere

Lei dipendente del Ministero delle Finanze affetta da cleptomania, lui un passato penale movimentato, scontavano insieme i domiciliari. Ma il marito, stanco dei contini litigi con la moglie, ha chiesto di andare in carcere ed è stato accontentato.

Da non perdere

“Signor giudice mi faccia andare in carcere, non ce la faccio più con mia moglie”. Questa la singolare richiesta di un uomo condannato agli arresti domiciliari, insieme alla moglie, per una serie di furti. Alla luce dell’insolita richiesta c’è da pensare che per l’uomo stare in casa sia una condanna peggiore più dura di quella del carcere. Il Giudice di sorveglianza, nel timore che la situazione potesse degenerare a causa delle frequenti liti, ha accolto la sua richiesta e l’uomo è stato trasferito presso la Casa Circondariale di Varese dei Miogni. Secondo quanto riportano i quotidiani locali, la donna è un’impiegata del Ministero delle Finanze affetta da cleptomania, mentre il marito ha un passato movimentato dal punto di vista penale. I frequenti litigi sarebbero all’ordine del giorno e riguarderebbero anche le reciproche accuse in relazione ai 15 processi che hanno in corso.

Ultime notizie