domenica, 29 Maggio 2022

Col Reddito di Emergenza ma sono già a carico dello Stato: beccati in 101 truffa da 200mila euro – VIDEO

Nonostante fossero ospiti all'interno delle CAS di Treviso, Oderzo, Vittorio Veneto e Onè di Fonte, avrebbero ugualmente percepito il Reddito di Emergenza per un ammontare complessivo che supera i 200mila euro.

Da non perdere

Indebita percezione del Reddito di Emergenza per oltre 200mila euro. Questa volta, nel mirino delle Fiamme Gialle di Treviso almeno 101 cittadini stranieri, provenienti in gran parte dai Paesi dell’Africa Centrale, che avrebbero percepito il Reddito di Emergenza senza i dovuti requisiti legittimanti. Questa forma di assistenza economica, che mira a fornire un aiuto alle famiglie in difficoltà a seguito dell’emergenza epidemiologica, prevede l’erogazione di un massimo di 5 mensilità, che possono variare dai 400 agli 800 euro per rata, in base anche agli indicatori dei nuclei familiari in questione, per un ammontare complessivo di 4mila euro all’anno.

Uno dei requisiti fondamentali per avanzare richiesta per l’ottenimento del Reddito di Emergenza è quello di non essere ospite nelle strutture messe a disposizione dallo Stato, come i Centri di Accoglienza Straordinaria per stranieri (CAS). A tal proposito, i controlli eseguiti dai Militari hanno permesso di individuare 101 persone che, nonostante fossero ospiti all’interno delle CAS di Treviso, Oderzo, Vittorio Veneto e Onè di Fonte, avrebbero ugualmente percepito il Reddito di Emergenza per un ammontare complessivo che supera i 200mila euro. Tutti i soggetti in questione sono stati segnalati alla Prefettura di Treviso per l’irrogazione della sanzione amministrativa, che potrà arrivare fino a 602mila euro, e all’I.N.P.S., per il recupero delle somme indebitamente percepite.

Ultime notizie