domenica, 22 Maggio 2022

Masters Madrid, giornata nera per gli italiani: Musetti si ritira Sinner cede facilmente ad Aliassime

Brutta giornata per il tennis italiano in quel di Madrid dove Musetti e Sinner scendevano in campo per un posto ai quarti di finale. Il tennista di Carrara si è arreso per un problema alla coscia a inizio secondo set. Jannik invece gioca una delle peggiori partite degli ultimi tempi uscendo di scena per 1-6,2-6 contro un Aliassime in forma strepitosa.

Da non perdere

Due gli italiani scesi in campo agli ottavi di finale del Masters di 1000 di Madrid. Entrambi sconfitti da Alexander Zverev e da Auger Aliassime. Il primo incontro ha visto purtroppo il ritiro di Lorenzo Musetti contro il numero 3 del mondo, vincitore dell’ultima edizione del torneo contro il nostro Matteo Berettini.

Il tedesco veniva dalla vittoria del giorno prima contro il croato Cilic per 4-6, 6-4, 6-4; il carrarino aveva avuto la meglio in maniera abbastanza netta contro l’americano Korda.

MUSETTI SI RITIRA A INIZIO 2° SET

Inizia bene Lorenzo che tiene il servizio in apertura, cosa che fa con estrema facilità anche Zverev grazie ad una battuta a dir poco micidiale. L’italiano non demorde e la partita rimane in equilibrio fino al 3 pari. Ma è proprio al 7° game , dopo due errori gratuiti di Musetti (una palla corta sbagliata ed un dritto in rete) che il tennista tedesco si procura e concretizza il break portandosi in vantaggio per 4-3.

Il numero 3 del mondo mostra un buonissimo stato di forma dopo la figuraccia con scuse annesse al torneo di casa a Monaco; copre bene a rete, risponde molto bene e così rompe l’equilibrio vincendo tre game consecutivi e chiudendo il primo set per 6-3 in poco più di mezz’ora. Le statistiche parlano per lui, infatti nel primo parziale il tedesco ha messo a segno 17 vincenti concedendo solo 7 errori gratuiti.

Le cose per Musetti iniziano a mettersi male non solo come punteggio ma sopratutto a livello fisico. Prima di ritornare in campo per il secondo set, Lorenzo ha bisogno di un medical time-out per un problema al muscolo della coscia sinistra. Poco minuti e inizia il secondo parziale di gioco che purtroppo dura poco per l’azzurro che sull’1 a 0 per l’avversario è costretto ad alzare bandiera bianca. Zverev così senza fatica accede ai quarti di finale di Madrid dove incontrerà il canadese Auger Aliassime, giustiziere di Sinner. Dispiace per Musetti perché veniva dalla vittoria contro Korda ma soprattutto, negli ultimi giorni, sembrava avere trovato un buonissimo tennis. Ora è da valutare se il guaio muscolare sia grave o meno e sperare che non gli impedisca di giocare il torneo più atteso dell’anno per i giocatori italiani (e non solo), ovvero gli Internazionali di Roma.

BRUTTA SCONFITTA DI SINNER CONTRO ALIASSIME

Pic by Twitter Sinner official page

Niente ritiro ma è una dura lezione di tennis quella subita da Jannik Sinner sceso in campo contro il Aliassime. Il tennista canadese è in un momento di forma straordinario, dall’altro canto Sinner non sembra nemmeno sé stesso e gioca una delle peggiori partite della sua carriera. Dopo un inizio in cui i due tennisti tengono i propri turni di battuta, dal’1-1 in poi non c’è più partita con Auger che vince 5 game consecutivi senza dare respiro a Jannik che è sembrato in netta confusione.

Scivola via veloce così il primo set con il risultato di 6-1 per il numero 9 Atp. Inizia la seconda partita ma il risultato non cambia, l’ex allievo di Piatti continua a commettere molti errori e concede al suo avversario il break in apertura. Solo nel 3° game l’azzurro riuscirà a salvare una palla break ed a tenere il servizio.

Aliassime è davvero in trans agonistica, aggredisce ogni palla e non concede nulla al servizio portandosi velocemente sul 5-1. Giusto il tempo per Sinner di vincere un altro gioco per poi doversi arrendersi senza condizioni al tennista canadese col risultato finale di 6-1, 6-2 in un’ora e 20 minuti di partita. Auger ai quarti ora affronterà Alexandrev Zverev.

Poteva essere un derby italiano invece, complice la netta superiorità dimostrata dagli avversari e, per quanto riguarda Musetti complici anche i problemi fisici, così non è stato. L’augurio ora è di ritrovarli nel torneo di casa a Roma in uno stato di forma sia mentale che fisica decisamente diverso. Anche perché i tifosi azzurri non vedono loro di vederli in campo.

Ultime notizie