domenica, 22 Maggio 2022

Dopo il live all’Unomaggiotaranto Blindur torna con un nuovo singolo, “Sereno”: a settembre l’album

Dopo la partecipazione al concerto dell’Uno Maggio Taranto, BLINDUR, pseudonimo del songwriter e producer napoletano Massimo De Vita, torna con un nuovo singolo.

Da non perdere

Dopo la partecipazione al concerto dell’Uno Maggio Taranto, BLINDUR, pseudonimo del songwriter e producer napoletano Massimo De Vita, torna con un nuovo singolo.

Sarà infatti disponibile per le radio e su tutti gli store digitali dal 12 maggio “SERENO”, il brano che anticipa il nuovo album del progetto, in uscita a settembre 2022 con La Tempesta Dischi, per il ritorno di una delle realtà più premiate e riconosciute della scena alternativa dell’ultimo decennio.

Blindur ha all’attivo due album in studio, partecipazioni in importanti festival internazionali e numerosi premi, tra cui i più recenti ‘Premio Amnesty Italia’ – sezione Emergenti 2021, Premio AFI e Premio della Critica a ‘Musicultura’ 2020 e Targa “Beppe Quirici” per il miglior arrangiamento al Premio Bindi 2020, e vanta oltre 400 concerti in Italia e all’estero con aperture che vanno da Damien Rice a Jonathan Wilson, passando per Niccolò Fabi, Cristina Donà, Tre allegri ragazzi morti e numerosi altri.

Con “Sereno”, il progetto Blindur consolida la collaborazione con Birgir Birgisson (storico fonico e produttore di Sigur Rós, Bjork e altri), già al lavoro con Massimo de Vita nei primi 2 album.

Il brano è stato prodotto con il sostegno di ‘Voci per la libertà – una canzone per Amnesty International’ e con la coproduzione artistica di Marco Fasolo (I hate My Village, Jennifer Gentle e collaboratore dei Verdena), un maestro del rock alternativo e uno dei tanti artisti ad aver partecipato al nuovo disco di Blindur. 

Un viaggio alla scoperta di chi siamo oggi, con lo sguardo al mistero del futuro; su una trama sempre più incalzante di chitarre e percussioni, si distende l’epica orchestrazione della violinista e compositrice Carla Grimaldi.

Il brano ha le sue radici nel nuovo cantautorato e nella scuola indie, ma il suo suono folk-rock è ispirato alle atmosfere più felici e intense della modern eclectic.

“Sereno” è la pagina rubata da un diario di bordo, un frammento di navigazione, uno sguardo fisso su un mare difficile da interpretare, che ispira una domanda semplice in un’epoca complessa: dove stiamo andando?

“Anche se si sentono fortemente le mie radici e nonostante affiorino immagini da un comune passato recente che ben conosciamo, “Sereno” parla solo al presente, guarda a questo futuro misterioso che può addirittura incutere paura, ma che allo stesso tempo è la promessa di nuovi orizzonti, di rotte inesplorate, avventurose, inevitabili.” – Blindur.

Ultime notizie