domenica, 22 Maggio 2022

Guerra in Ucraina, rinviata approvazione di nuove sanzioni. Kuleba: “Grazie Italia per il sostegno”. Michel: “Aiuti militari alla Moldavia”

La decisione dell'Unione Europea sul sesto pacchetto di sanzioni alla Russia non arriverà oggi. Trapela dalla riunione del Coreper, l'organismo di rappresentanza dei 27 Stati membri. Il presidente del Consiglio Europeo, che ha aggiunto: "Forniremo ulteriore equipaggiamento militare alle truppe moldave".

Da non perdere

La decisione dell’Unione Europea sul sesto pacchetto di sanzioni alla Russia non arriverà oggi. È quanto trapela dalla riunione del Coreper, l’organismo di rappresentanza dei 27 Stati membri. Tutti i Paesi, infatti, avrebbero chiesto più tempo per esaminare il documento che la Commissione Europea ha trasmesso alla mezzanotte di ieri.  Una nuova riunione è stata fissata per venerdì, ma potrebbe essere anticipata a domani. L’obiettivo dichiarato è quello di arrivare al varo del nuovo pacchetto sanzionatorio entro fine settimana.

Kuleba: “Ringrazio Di Maio per il sostegno militare”

Il ministro degli Esteri ucraino, Dmytro Kuleba, intanto, ha ringraziato formalmente il titolare della Farnesina, Luigi Di Maio, per la leadership italiana nelle sanzioni a Mosca, compreso l’embargo petrolifero, e per le forniture di armi a Kiev. “Con Di Maio abbiamo discusso dell’agevolazione del commercio tra i nostri Stati e delle garanzie di sicurezza per l’Ucraina”, ha detto Kuleba. “Ho sottolineato, in particolare, l’importanza di concedere al nostro Paese lo status di candidato all’ingresso nell’Unione Europea”.

Michel: “Forniremo nuovi aiuti militari alla Moldavia”

“L’Unione Europea ha in programma per quest’anno l’aumento significativo del sostegno militare alla Moldavia”. Ad annunciarlo è Charles Michel, presidente del Consiglio Europeo, che ha aggiunto: “Forniremo ulteriore equipaggiamento militare alle truppe moldave. È nostro dovere tutelare e sostenere le loro difese, nonché aumentare il nostro appoggio alla loro stabilità, sicurezza ed integrità nazionale”.

Ultime notizie