domenica, 22 Maggio 2022

Guerra in Ucraina, Kiev: “Arrivate 400 denunce per violenza sessuale”. In Russia colpito deposito di armi. Kharkiv, caduti 2 insediamenti

Le segnalazioni di abusi sessuali su donne e bambini continuano a crescere. Kiev attacca posizioni russe sull’Isola dei Serpenti. A Belgorod, regione russa, in fiamme un deposito di munizioni. Caduti in mano russa 2 insediamenti a Kharkiv.

Da non perdere

Il 63esimo giorno del conflitto si apre con un deposito di munizioni in fiamme nell’area di Belgorod, regione russa. Kiev lancia una controffensiva con un raid sull’Isola dei Serprenti, colpendo missili russi. Viene annunciata ufficialmente la caduta in mano russa di 2 insediamenti a Kharkiv. L’Ucraina, dopo diverse segnalazioni, denuncia i soldati russi per violenza sessuale anche a bambini, il numero sale a 400.

Kiev, 400 denunce per violenza sessuale contro i russi

Dal primo al 14 aprile, sono giunte circa 400 denunce contro i militari russi accusati di violenza sessuale su donne e bambini. Le segnalazioni sono arrivate ad un numero apposito del Parlamento ucraino, non solo per denunciare ma anche per chiedere assistenza psicologica. Questo fa sapere Lyudmyla Denisova, commissaria ai Diritti umani del Parlamento ucraino, citata da Kyiv Independent. Ha anche aggiunto che dopo aver messo a disposizione dei cittadini quel numero pubblico, le segnalazioni hanno continuato a crescere.

Kharkiv, nelle mani dei russi 2 insediamenti

L’esercito russo ha preso il controllo della periferia nord-orientale dell’insediamento di Velyka Komyshuvakha e dell’insediamento di Zavody, nella regione di Kharkiv, in Ucraina orientale. Questo fa sapere lo Stato maggiore delle forze armate ucraine tramite Facebook citato dall’Agenzia Union. Inoltre, le forze armate di Mosca hanno trasferito 2 battaglioni tattici dal territorio russo di Belgorod alla città ucraina di Izium, dove già ieri si sono registrati pesanti combattimenti.

In fiamme deposito di munizioni a Belgorod

Il governatore Gladkov, citato dalla Tass, ha fatto sapere che un deposito di munizioni è in fiamme vicino al villaggio di Staraya Nelidovka, nella regione russa di Belgorod. Poco prima di questo annuncio, aveva parlato di forti esplosioni segnalate nella stessa zona. Ha aggiunto che non sono stati registrati danni a edifici residenziali e pare non ci siano state vittime civili. Fa sapere dal suo canale Telegram che durante questa notte sono stati uditi forti scoppi, simili ad esplosioni, nella città di Belgorod, nella Russia occidentale, non lontano dal confine con l’Ucraina. “Intorno alle 3.35 (ora di Mosca) sono stato svegliato da un forte rumore, come un’esplosione. Mentre stavo scrivendo questo post, si sono sentite altre 3 epslosioni”, ha scritto Gladkov secondo la Tass.

Raid sull’Isola dei Serpenti, colpiti missili russi

Sono state colpite dalle forze armate ucraine alcune posizioni russe sull’Isola dei Serpenti, colpiti e distrutti il posto di comando e il sistema missilistico antiaereo Strela-10, lo fa sapere l’esercito di Kiev secondo quanto riporta la Ukrainska Pravda. Ha aggiunto: “Le nostre truppe continuano a combattere sulla frontiera occupata. Il nemico ha cercato di avanzare verso la regione di Mykolayiv vicino ai villaggi di Tavriyske e Nova Zorya, ma non ha avuto successo, ha subito perdite significative e si è ritirato”. Ricordiamo che l’Isola dei Serpenti è un’isola nel Mar Nero, situata a 35 chilometri dalle coste dell’Ucraina e della Romania. Fa parte del distretto di Kilija nell’oblast di Odessa, in Ucraina.

Ultime notizie