domenica, 22 Maggio 2022

Wet Leg, dall’Isola di Wight alla conquista del mondo!

Indie-rock ballabile, un po' immerso nei 90's alla Breeders o alla Sleeper per intenderci, aperture post punk nei bassi e spigolose quanto basta per non essere troppo pop

Da non perdere

Le Wet Leg sono un duo al femminile che arriva direttamente dall’Isola di Wight, Rhian Teasdale e Hester Chambers, saltate alla ribalta dal nulla, un singolo uscito un anno fa, nel giugno del 2021, “Chaise Longue” e arrivato nelle radio solo ora in occasione dell’uscita del loro album. Anche le loro esibizioni live erano molto scarse al momento dell’uscita del primo singolo ed ora sono volute da tutti i festival internazionali. La Domino le ha messe sotto contratto subito ed è stata un buona intuizione, essendo al momento la band tra le più suonate in radio e chiacchierate sui giornali specializzati.

Indie-rock ballabile, un po’ immerso nei 90’s alla Breeders o alla Sleeper per intenderci, aperture post punk nei bassi e spigolose quanto basta per non essere troppo pop. Psychedeliche, scanzonate, irriverenti nella musica e nei testi.

Dopo dieci anni di amicizia hanno deciso di metter su una band e si sono formate nel 2019, nel 2021 è uscito il primo singolo e l’8 aprile 2022 hanno fatto uscire finalmente il loro album di debutto “Wet Leg”. Un disco dove confluiscono tanti ascolti e influenze diverse, qualcuno parla di Franz Ferdinand e Strokes chi di Blondie e i grandi B52’s fino alla cover dei Talking Heads “Psycho Killer”. “Post Pop impertinente” da due signorine che si sono autodefinite solo delle “country bumpkin” (cafone di campagna!), ma in verità guardano molto lontano ed hanno le idee molto chiare.

La produzione è stata affidata a Dan Carey e il missaggio è di Alan Moulder, sicuramente due firme importante per il loro successo. Sicuramente non hanno inventato nulla di nuovo ma sicuramente hanno reso più interessante questo 2022. Speriamo di vederle dal vivo in Italia!

Ultime notizie