domenica, 29 Maggio 2022

Turisti occupano posti prenotati: disabili costretti a scendere dal treno. Assoutenti: “Esposto in Procura. Serve daspo a vita”

I turisti hanno assalito il treno che da Genova andava a Milano, rifiutandosi anche di cedere il loro riservato a un gruppo di disabili. Trenitalia ha allestito un pullman dedicato per risolvere la situazione.

Da non perdere

“Quello che è accaduto ieri a Genova è un episodio molto grave, un esempio di inciviltà e degrado morale che potrebbe realizzare un vero e proprio illecito di natura penale”, le dure parole del presidente di Assoutenti, Furi Truzzi, dopo l’episodio dei disabili costretti a scendere dal treno sul quale avevano prenotato. I legali dell’associazione, questa mattina, hanno presentato un esposto alle Procure della Repubblica di Genova e Milano con l’ipotesi di violenza privata. “Chiediamo che vengano identificati i responsabili e di procedere nei loro confronti in base all’articolo 610 del codice penale che prevede, in caso di violenza o minaccia, la reclusione fino a 4 anni”. Nei confronti dei responsabili della vicenda è stato chiesto anche un daspo a vita su tutti i treni, come segnale di condanna verso simili atteggiamenti.

La vicenda

Un gruppo di disabili, 27 per la precisione, più i loro accompagnatori, sono stati costretti a scendere dal treno che da Genova li avrebbe dovuti riportare a Milano, in quanto hanno trovato i loro posti occupati da diversi turisti. È accaduto ieri, 18 aprile, nel pomeriggio, quando raggiunto il vagone loro assegnato, lo hanno trovato occupato da turisti che si sono rifiutati di cedere il posto, nonostante la segnalazione e la presenza di tre agenti della Polizia ferroviaria, del personale di Trenitalia. Episodio questo che ha visto costretto la compagnia di Trenitalia ad allestire in fretta un pullman dedicato per riportare i ragazzi a Milano.

Il gruppo, dopo aver trascorso il giorno di Pasquetta in Liguria, ha raggiunto la stazione di Genova Porta Principe per prendere il treno che li avrebbe riportati a Milano. Il convoglio ferroviario in lieve ritardo perché preso di mira dai vandali alla stazione di Albenga, e che ha costretto Trenitalia a sostituire una carrozza, è stato poi preso d’assalto dai passeggeri che erano in attesa alla fermata di Genova. I passeggeri hanno occupato quindi tutte le carrozze, anche quella di testa che era riservata ai ragazzi disabili.  Una volta a bordo i controllori hanno fatto notare che era prenotata, ma i turisti si sono rifiutati di cedere il posto ai ragazzi disabili. Il gruppo poi ha fatto ritorno in pullman.

Sulla vicenda si è espresso con parole di condanna molto forti anche il Presidente della Regione Luguria, Giovanni Toti. “Quello che è accaduto è vergognoso, un episodio da stigmatizzare. Segna la totale mancanza di rispetto e di sensibilità”, ha commentato Toti. L’accaduto è destinato a far discutere ancora.

 

 

Ultime notizie