mercoledì, 25 Maggio 2022

I Maneskin infiammano il palco del Coachella 2022, In chiusura omaggio al popolo ucraino: “Free Ukrain, fuck Putin”

I Maneskin non hanno tradito le aspettative del pubblico americano che ha affollato lo stand del Coachella Festival 2022, uno dei festival californiano più rinomati al mondo.

Da non perdere

I Maneskin non hanno tradito le aspettative del pubblico americano che ha affollato lo stand del Coachella Festival 2022, festival californiano tra più rinomati al mondo. Un performance degna della band romana che ha anche omaggiato, nel finale, la popolazione ucraina colpita dalla guerra. Look perfetto e provocante con abiti in pelle e pizzo, molto glam anni 70.

I Maneskin hanno portato sul palco i loro singoli, “Mammamia” o “Zitti e Buoni” e le cover che li hanno resi famosi come “Beggin”, “I wanna be your dog” del gande Iggy (peccato non ci sia stato con loro sul palco) “I Wanna be your slave”, ma in più, una  “Womanizer” di Britney Spears (“because we love Britney so much”) chiudendo lo show sottolineando il loro sdegno contro la guerra in Ucraina. Loro hanno aderito alla campagna #StandUpForUkraine e senza peli sulla lingua da veri rocker hanno mandato “a quel paese” Putin tra una follia in pieno delirio: oltre 45 minuti di show, iniziato intorno alle 7.30 si è concluso con l’urlo del cantante “Free Ukrain, fuck Putin”. “Vi siete divertiti? Anche noi ci divertiamo, è un privilegio vivere mentre le bombe cadono sulle città”, ha urlato Damiano rivolto al pubblico. E ha citato Charlie Chaplin e il discorso del film Il grande dittatore.

Damiano, Victoria, Thomas e Ethan si confermano un gruppo carismatico ed esplosivo, l’America ormai li ama. Torneranno a Indio la prossima settimana, per il secondo week end di festival.

Ultime notizie