domenica, 29 Maggio 2022

Guerra in Ucraina, Kiev e Donbass di nuovo sotto attacco. Regno Unito: “Utilizzate armi al fosforo a Donetsk, possibile anche su Mariupol”

L'offensiva russa in Ucraina prosegue. Oggi, 11 aprile, l'esercito di Mosca ha cominciato ad attaccare nella zona di Kiev e in molte città del Donbass. Il Regno Unito denuncia l'utilizzo di armi al fosforo, mentre la Corea del Sud non invierà aiuti militari in Ucraina.

Da non perdere

Le ultime azioni militari da parte della Russia sembravano ridurre le dimensioni del conflitto alla sola zona meridionale dell’Ucraina. Ma potrebbe non essere così. Secondo il capo della Repubblica cecena, Ramzan Kadyrov, le forze russe metteranno in scena un’offensiva contro Kiev e altre città del Paese. “Ci sarà un’offensiva, non solo su Mariupol, ma anche su altri luoghi, città e villaggi”, ha detto Kadyrov in un video pubblicato sul suo canale Telegram. “Prima libereremo Luhansk e Donetsk e poi prenderemo Kiev e tutte le altre città“, ha aggiunto l’alleato di Putin. Intanto, le sirene di allerta sono tornate a suonare nel sud e nell’ est dell’Ucraina. Gli allarmi sono scattati poco prima dell’alba in varie città, da Odessa a Zaporizhia, da Kharkiv a Izium, fino a Poltava. A Kharkiv, i soccorritori della città, hanno trovato i corpi di 6 vittime di bombardamenti, ma nessuno è riuscito a verificare questa informazione riferita da Interfax.

Kadyrov, capo della Repubblica cecena (fonte: twitter)

Kiev, Mosca continua ad attaccare la capitale

Kiev è ancora un obiettivo per gli invasori. Nelle ultime 24 ore, le forze armate ucraine hanno abbattuto un aereo e 4 elicotteri russi. Lo ha comunicato, tramite facebook il Comando dell’Aeronautica militare della capitale, precisando che sono stati distrutti dalla contraerea un caccia Su-34 e 4 elicotteri Mi-24 e Ka-52. Inoltre, secondo quanto riportato dall’esercito ucraino, sono stati abbattuti anche tre droni e tre missili da crociera X-59 dell’esercito russo.

Iniziata l’offensiva in Donbass

L’attacco nel Donbass, da parte dell’esercito russo, “è già iniziato“. Il consigliere dell’interno Denysenko sostiene che “non ci sono ancora le grandi battaglie di cui si parla tanto negli ultimi giorni. Ma in generale potremmo dire che l’offensiva è già iniziata“. Denysenko ha segnalato alcune esplosioni nella notte nella regione di Dnipro e ha detto che anche il bombardamento di Kharkiv è proseguito.

Russia, possibile utilizzo di armi al fosforo anche a Mariupol

L’uso precedente di munizioni al fosforo da parte delle forze russe nell’oblast di Donetsk solleva la possibilità del loro futuro impiego a Mariupol mentre si intensificano i combattimenti per la città“. Questa l’analisi effettuata dal ministero della difesa del Regno Unito nel suo ultimo briefing. Secondo l’intelligence britannica, la Russia ha continuato a bombardare le regioni di Donetsk e Luhansk e che le forze ucraine hanno respinto diversi assalti “con conseguente distruzione di carri armati, veicoli e attrezzature di artiglieria russi“. Inoltre, la Russia continua a usare bombe non guidate che “diminuiscono la loro capacità di discriminare” durante gli attacchi e aumentano “il rischio di ulteriori vittime civili“.

Aiuti militari e armi direzione Ucraina: Nuova Zelanda si, Corea del Sud no

La Nuova Zelanda invierà altri aiuti militari in Ucraina. Infatti, un aereo C-130 Hercules, con 50 membri del personale delle forze di difesa, partirà per aiutare a trasportare e distribuire gli aiuti militari donati all’Ucraina. Ma la prima ministra neozelandese Jacinda Ardern ha precisato che “in nessun momento entreranno nel Paese, e nemmeno gli è stato chiesto di farlo“. L’aereo lascerà la Nuova Zelanda mercoledì 13 aprile. Lo stato oceanico, inoltre, contribuirà anche con 13 milioni di dollari per il sostegno militare, legale e dei diritti umani, di cui 7,5 milioni di dollari per l’approvvigionamento di armi e munizioni attraverso il Regno Unito.

Non è dello stesso avviso la Corea del Sud. Il ministro della Difesa, Suh Wook ha detto che Seoul ha “limiti” quando si tratta di inviare armi in Ucraina, come riferisce l’agenzia di stampa Yonhap. Secondo quanto si legge, Oleksii Reznikov, ministro della Difesa ucraino ha richiesto armi antiaeree in una telefonata con Suh Wook, venerdì scorso. La Corea del Sud aveva già rifiutato di inviare armi direzione Kiev, fornendo in gran parte sostegno umanitario. Volodymir Zelensky è pronto a consegnare un discorso video all’Assemblea nazionale della Corea del Sud oggi stesso, dove richiederà nuovamente l’invio di armi.

Ultime notizie