venerdì, 20 Maggio 2022

Serie A, si parte con Empoli-Spezia. Napoli-Fiorentina e Sassuolo-Atalanta le sfide più interessanti

A sette giornate dalla fine il campionato è ancora apertissimo. Tre squadre separate da pochi punti per corsa scudetto, Europa League e salvezza.

Da non perdere

A sette giornate dalla fine, la Serie A offre grande spettacolo nel 32esimo turno stagionale. Il weekend si aprirà domani con la sfida delle 15:00 tra Empoli e Spezia, mentre il Napoli proverà a proseguire la marcia da schiacciasassi anche contro la Fiorentina, in programma domenica 10 al Diego Armando Maradona.

CORSA SCUDETTO, TRE SQUADRE IN UN PUNTO

Con ogni probabilità la vittoria dell’Inter di domenica sera ha tagliato fuori dalla lotta per il Tricolore la Juventus. Ci si ritrova quindi ad ammirare una classifica cortissima, con il Milan primo a 67 punti, seguito dal Napoli, distanziato di appena una lunghezza, e l’Inter virtualmente a -1 considerando il recupero contro il Bologna.
Saranno proprio i nerazzurri i primi a scendere in campo, impegnati nella sfida casalinga contro il Verona domani alle 18:00. Il miglior attacco del campionato si trova a fare i conti con un periodo di magra, capace di realizzare un solo gol in sette delle ultime otto sfide.
Nelle gare del Meazza il Verona non è mai riuscito a strappare i tre punti, 19 successi per l’Inter e 11 pareggi.

La domenica vedrà confrontarsi Napoli e Fiorentina alle 15:00. I partenopei sono riusciti a rosicchiare due punti ai rossoneri grazie al successo per 3 a 1 con l’Atalanta.
Nella sfida teatro della finale di Coppa Italia 2014 il Napoli ci arriva ancora come miglior difesa del torneo, con quattro vittorie nelle ultime cinque uscite. La Fiorentina, di riflesso, ha vinto nello stesso periodo due gare, pareggiandone altrettante e perdendone una.
In dubbio il bomber Oshimen per un infortunio muscolare, così come Odriozola e Bonaventura per la Fiorentina, non ancora recuperati a pieno.

Il ballo delle prime tre verrà chiuso dal Milan domenica alle 20:45, impegnato contro il Torino di Juric. Il Toro, dopo un periodo difficile che gli ha visto portare a casa appena due punti in quattro gare, è tornato a vincere la scorsa settimana nella sfida tutta granata contro la Salernitana.
Il Milan, che lo scorso anno si impose per 7 a 0 all’Olimpico di Torino, ha come unico obiettivo quello di non commettere ulteriori passi falsi, come ha dimostrato lo stop di lunedì contro il Bologna. Non sarà una passeggiata nel capoluogo piemontese per Pioli, con il Toro capace di fermare i cugini dell’Inter appena tre settimane fa.

ALLA RINCORSA DELL’EUROPA (LEAGUE)

La Juventus può, per certi versi, definire blindato il quarto posto che varrebbe l’accesso alla Champions League. I bianconeri hanno un vantaggio sulla Roma, quinta forza del campionato, di cinque punti.
Allegri sarà impegnato sabato sera alle 20:45 a Cagliari. Le premesse della Sardegna Arena vedono i sardi sconfitti nelle ultime quattro uscite, in cui hanno subìto 11 gol, segnandone appena uno.

Conterà di proseguire la striscia positiva la Roma, nonostante le fatiche di Conference League di giovedì. Capitolini avranno dalla loro parte una sfida, almeno sulla carta, abbordabile in quanto troveranno sul loro percorso la Salernitana degli ex Fazio e Sabatini.
Impegno più ostico per l’Atalanta, che scenderà in campo domenica alle 15 al Mapei Stadium. Dopo aver pareggiato per 1 a 1 contro il Lipsia, la Dea avrà sul proprio percorso un altro osso duro, il Sassuolo di mister Dionisi, terzo miglior attacco della Serie A.

Proprio i neroverdi sono stati gli ultimi avversari della Lazio che, distante appena due punti dai cugini lupacchiotti, giocherà il 10 aprile il lunch match contro il Genoa. Il Grifone la scorsa domenica ha maturato la prima debacle sotto la guida Blessin, sconfitto di misura dal Verona.
Sfida fondamentale anche per i liguri che, con una clamorosa vittoria, abbandonerebbero il penultimo posto in griglia e, complice l’eventuale sconfitta del Cagliari, lo aggancerebbero a 25 punti.

GUERRA NELLA BASSA CLASSIFICA

La 32esima giornata partirà domani alle 15 con l’incontro Empoli-Spezia, due compagini distanziate da un punticino. La kermesse potrebbe definire un allungo fondamentale per il raggiungimento della matematica salvezza.
Padroni di casa con una migliore vena realizzativa: 41 marcature contro le 32 degli spezzini. I liguri sono stati però più compatti dietro, come evidenziano le due reti subìte in meno rispetto ai toscani.

Incontro delicatissimo per il Venezia che come il Genoa potrebbe approfittare di un eventuale stop del Cagliari contro la Juventus. I veneti se la dovranno però vedere contro l’Udinese, che appena sette giorni fa ha archiviato la pratica Cagliari con un netto ed insindacabile 5 a 1.
Concluderà la giornata Bologna-Sampdoria, lunedì alle 20:45 al Dall’Ara. Doria arenata a 32 punti, capace di vincere soltanto tre gare nel 2022, di cui due tra le mura amiche.
I felsinei negli ultimi incontri casalinghi hanno pagato dazio contro Atalanta, Juventus e Napoli, ma non perdono in casa contro la Sampdoria dal campionato 2003/2004. Era il 2 novembre 2003, 0-1 il risultato finale, con la sfida decisa dalla marcatura di Cristiano Doni.

Ultime notizie