mercoledì, 18 Maggio 2022

Guerra in Ucraina, sindaco di Bucha: “Giustiziati dai russi 320 civili”. Missili contro un ospedale a Severodonetsk

"Sono 320 i civili trovati morti fino a questo momento". Ad affermarlo è il sindaco di Bucha, Anatoly Fedourok. Nella notte, intanto, i militari russi hanno preso d'assalto un ospedale di Severodonetsk e alcune case di Lysychansk, nella regione di Lugansk. La Casa Bianca è certa: "In Ucraina ci saranno altre carneficine".

Da non perdere

“Sono 320 i civili trovati morti fino a questo momento”. Ad affermarlo è il sindaco di Bucha, Anatoly Fedourok, in un’intervista all’emittente ucraina DW. Nelle parole del primo cittadino traspare l’orrore del massacro che ha visto protagonisti gli abitanti della sua città. “Gli specialisti, adesso, stanno lavorando sui corpi”, aggiunge. “Il numero delle vittime, però, cresce ogni giorno. La gente ha cercato di seppellire i corpi ovunque fosse possibile, per evitare che i cani li portassero via. Li stiamo ritrovando in tenute private, parchi e piazze. In tutti i casi parliamo di ferite d’arma da fuoco. Di proiettili, non di schegge. Sono stati letteralmente giustiziati”.

Missili contro un ospedale a Severodonetsk

Nella notte, intanto, i militari russi hanno preso d’assalto un ospedale di Severodonetsk e alcune case di Lysychansk, nella regione di Lugansk. A riferirirlo è Serhiy Gaidai, capo dell’amministrazione statale regionale. “I russi sono indifferenti alla popolazione civile. Non guardano in faccia a nessuno. Sparano sulle case della gente e seminano distruzione ovunque. Le squadre di soccorso, al momento, stanno lavorando a ritmi vertiginosi”, sottolinea Gaidai.

USA: “Ci saranno altre stragi come a Bucha”

La Casa Bianca è certa: “In Ucraina ci saranno altre carneficine come quella di Bucha. Nessuno dovrebbe illudersi del fatto che gli obiettivi del Cremlino possano essere cambiati, nonostante la ritirata delle truppe russe dalla parte settentrionale della Nazione”, tuona la portavoce Jen Psaki. “Il loro obiettivo principale rimane quello di indebolire il più possibile l’Ucraina. Non dobbiamo farci ingannare dalla loro strategia. La Russia è destinata a perdere il suo status di grande potenza economica. Il nostro intento è quello di implementare le sanzioni per rendere più complicato possibile al presidente Putin il finanziamento della guerra. Ne stiamo già vedendo l’impatto diretto”.

Ultime notizie