mercoledì, 18 Maggio 2022

Il Family Act è Legge. Bonetti: “Arginiamo la denatalità e incentiviamo il lavoro femminile”

La ministra per le Pari Opportunità e la Famiglia Elena Bonetti: "Introdotti elementi di condivisione dei carichi di cura famigliari tra le donne e gli uomini".

Da non perdere

L’Italia scrive una nuova pagina sulla famiglia. Sboccia la primavera e il Senato approva il cosiddetto “Family Act”, la legge per arginare la denatalità e promuovere la parità dei sessi. Vediamo come attraverso le parole della ministra per le Pari Opportunità e la Famiglia Elena Bonetti, di Italia Viva. “L’assegno unico universale si integra nella riforma del Family Act, per risolvere quel tasso di decrescita delle nascite. Si incentivano l’imprenditoria femminile, i servizi educativi territoriali, riforma dei congedi parentali introducendo elementi di condivisione dei carichi di cura famigliari tra le donne e gli uomini e un grande investimento sull’autonomia, il lavoro, la formazione dei giovani”.

Come apprendiamo dagli atti parlamentari, le nuove disposizioni intendono “favorire con strumenti fiscali il rientro delle donne nel mercato del lavoro, in particolare dopo la maternità”. La legge prevede, inoltre, “agevolazioni fiscali o un credito per le attività educative e di apprendimento”, senza tralasciare la “condizione di disabilità delle persone presenti all’interno del nucleo familiare”. Aumentare asili e scuole per l’infanzia, incentivare le giovani coppie in affitto o che acquistano casa, costituiscono gli ulteriori obiettivi della legge varata oggi. Infine, gli interventi del “Family Act” dovranno essere verificati dalle “associazioni familiari maggiormente rappresentative”. Così, la ministra Bonetti parla di “un passo avanti nelle politiche familiari: una riforma stabile, sistemica”.

Ultime notizie